Vendola da Porsche: ‘Centro di eccellenza’

Nardò. Visita del presidente al Nardò Technical Center, per conoscere i programmi di modernizzazione del circuito acquisito dalla casa tedesca

NARDO’ – “Un altro punto di eccellenza della Puglia”. Così il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, a margine della visita fatta nei giorni scorsi alla Nardò Technical Center, ha definito il centro prove salentino acquistato dalla Porsche Engineering. “Il Nardò Technical Center oggi è un gioiello di particolare importanza, perché non è più di proprietà di una società finanziaria, ma appartiene a un gruppo industriale tra i più importanti al mondo”, ha detto. La casa tedesca ha infatti preso il controllo dell'intera struttura, rilevandola dalla Prototipo S.p.a. ed entrando in possesso di uno dei centri prova più grandi d'Europa. “Finalmente, questa struttura – ha spiegato Vendola – è guardata dall'azienda con l'occhio di chi ha in testa un'intera filiera d'interventi per valorizzare ciò che oggi consente di mettere a punto tecnologie di sicurezza. Questo non è il luogo dove si celebra la velocità, ma è una sorta di tempio della sicurezza, il luogo in cui si può immaginare di spingere l'automotive verso obiettivi e traguardi d'innovazione sempre più importanti”. Nella sua visita alla pista neretina Vendola è stato accolto dall'AD di Porche Engineering Malte Radmann, dall'AD della struttura salentina Francesco Nobile e dal nuovo responsabile tecnico del circuito Edmund Sander. I responsabili dell'azienda hanno illustrato al presidente Vendola le attività svolte all'interno del circuito e il nuovo piano d'investimenti che prevede, tra le altre cose, la costruzione di un centro medico e l'attivazione di un eliporto. La struttura offre un circuito di handling di 6,2 chilometri realizzato nel 2008 con tratti che riproducono le curve di alcuni dei più noti circuiti del mondo, 40 km di percorsi off-road, centri prova per le omologazioni, 16.000 metri quadri di officine e percorsi per la verifica della rumorosità. La peculiarità dell'impianto è costituita dall'anello di alta velocità di 12,5 km, teatro in passato di numerosi record. l centro prove di Nardò nacque nel 1975 per volere della Fiat, che l'ha poi ceduto nel 1999; l'anello di alta velocità è dotato di quattro corsie con 16 metri di carreggiata, con una inclinazione variabile dal 4 % al 22,5%, tale da compensare la forza centrifuga fino a 240 km/h. L’intenzione di Porsche Engineering, comunicata a Vendola durate la sua visita, è quella di sviluppare ulteriormente il centro di Nardò, che ospita per 365 giorni all'anno, squadre di tecnici, ingegneri e piloti. E Vendola ha dimostrato di apprezzare molto i programmi futuri della grande casa automobilistica. “Apprezzo molto – ha infatti commentato – il fatto che il Gruppo Porsche stia immaginando un'opera di modernizzazione del Nardò Technical Center introducendo, per esempio, una struttura sanitaria e un eliporto. Un grande gruppo industriale che ragiona su interventi anche a medio-lungo termine, programmando il proprio business oggi e dicendo chiaramente come intende farlo crescere nel futuro”. All'incontro hanno partecipato anche il presidente e il direttore generale di Aeroporti di Puglia Giuseppe Acierno e Marco Franchini. Articolo correlato: Porsche compra Prototipo. Ora è tempo di pensare ai lavoratori

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!