M5S: 'affidamento a privati degli asili, una disfatta'

Lecce. Il MoVimento 5 Stelle di Corte Dei Romiti denuncia con un comunicato (pubblicato di seguito) la cessione delle scuole comunali dell'infanzia Green e Alpi

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato del MoVimento 5 Stelle di Corte Dei Romiti – Lecce: E’ una disfatta della politica, di maggioranza ed opposizione, quella che, durante lo scorso Consiglio, ha portato il Comune di Lecce a confessare di non essere in grado di amministrare le proprie scuole (direttamente e tramite cooperazione sociale), avviando una procedura d’affidamento a PRIVATI. Una scellerata decisione che porrà nelle mani di chi persegue logiche d’impresa e di profitto un servizio pubblico primario, un bene della e per la collettività, perseguendo l’ unico obiettivo della riduzione di spesa, travestita da “ottimizzazione del servizio”. Se pur non dell'obbligo, riteniamo la scuola dell’infanzia un diritto inalienabile, un servizio indispensabile a supporto delle famiglie e a tutela delle pari opportunità. E’ chiaro, invece, che l’amministrazione comunale lo consideri solo un COSTO, da ridurre e da inserire nel sistema di quella particolare spending-review che non si cura di inutili sprechi, ma taglia la scuola. A detta della Vice Sindaco C. Tessitore, la concessione in appalto delle scuole comunali dell’infanzia “Ilaria Alpi” e “Nicolas Green” , “consentirà non solo di risparmiare, ma creare un accesso eguale per tutti” . Permetteteci quantomeno di dubitare, lecitamente, di tale affermazione. Più realisticamente una simile scelta porterà a gravi disparità di trattamento e di costi, a enormi fratture sociali, a scuole per famiglie più e meno abbienti. Mettiamo le carte in tavola per una volta: la procedura di affidamento a ha a che fare col “migliorare i servizi” ma è al solo fine di economizzare, risparmiare, tagliare. Il Comune accoglie solo poco più di 200 bambini in città, e le scuole private, annualmente, sopperiscono alla grande richiesta d’iscrizione a fronte di un impegno economico che non tutte le famiglie possono sostenere. Doveroso sarebbe, da parte del Comune, attivare politiche sociali mirate a salvaguardare la continuità e la tradizione della scuola comunale, a garantire, migliorare e potenziare il servizio scolastico, cercando forme di finanziamento adeguate, a supporto della scuola e a salvaguardia dei posti di lavoro dei dipendenti, non scomporla e disfarsene! Ci dichiariamo totalmente contrari a questo tipo di “management” e non possiamo esimerci dall'evidenziare che, in totale contraddizione con le apprensioni e le perplessità palesate da quasi tutti gli intervenuti al Consiglio Comunale, il voto è risultato favorevole ed unanime: nessun contrario, nessun astenuto, perché, evidentemente, far quadrare i conti viene prima di tutto. LEGGI ARTICOLO CORRELATO: Asili nido comunali. Lecce privatizza A Lecce gli asili nido comunali Nicholas Green e Ilaria Alpi diventeranno a gestione privata. E i genitori non ci stanno.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment