Il Barroccio, sigilli alla tettoia

Lecce. Il Comune aveva respinto l’autorizzazione per via della vicinanza in centro. Su facebook solidarietà al locale

LECCE – Su facebook e sui social network, tutti stanno con “Il Barroccio”. Dimostrano, cioè, solidarietà nei confronti di un locale storico di Lecce, a due passi dell’Obelisco, sequestrato, in parte, nelle scorse ore dagli agenti della Polizia municipale che vi hanno ravvisato un mancato adeguamento alle nome. Sotto la lente, in particolare, la tettoia esterna che poggia su due travi in legno, per la quale i titolari dell’attività avevano chiesto l’autorizzazione, poi respinta da Palazzo Carafa per via dei vincoli imposti dalla vicinanza al centro storico. Il Barroccio è comunque aperto ai clienti. Che, in tanti, hanno commentato l’accaduto con un “senza parole”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment