Petrucci: 'Bene il basket in Puglia'

Bari. Per presidente della pallacanestro italiana bisogna puntare sui Centri Tecnici Regionali e sul rilancio della Nazionale. Poi incoraggia il basket pugliese

“La Puglia? Una delle più belle realtà che ho scoperto rituffandomi nel basket”. Si è presentato così, il presidente della Fip Giovanni Petrucci, in visita a Bari per incontrare il Direttivo del Comitato Fip Puglia e salutare le società pugliesi, riunitesi alle porte del capoluogo per la presentazione delle Disposizioni Organizzative Annuali Regionali 2013-2014: “Sono contento di aver finalmente accolto l'invito della presidente Gonnella, una delle persone che ha dato una svolta alla periferia del territorio”. L'appuntamento pugliese è stato utile per testare lo stato di salute del movimento cestistico: “Che federazione ho ritrovato? Sana, efficiente, composta da dirigenti preparati e pronta a dare al territorio un supporto di tipo organizzativo. Certo, non si può fare finta di niente: la crisi si sente e lo sport di base ne sta soffrendo. Nel settore maschile di vertice continuano però a registrarsi numeri da record: di spettatori, di incassi, di audience. La stessa finale fra Roma e Siena è un bello spot per l'intero movimento, il degno epilogo del campionato più interessante degli ultimi quindici anni”. Bisogna però ridare slancio anche all'attività di base: “In questo senso –assicura Petrucci, accompagnato a Bari dal vice presidente Fip Gaetano La Guardia – puntiamo sull'impulso che sapranno garantire i Centri Tecnici Regionali, anche per arbitri e allenatori. E poi, c'è la Nazionale, da cui risultati trae beneficio l'intero movimento. Abbiamo la fortuna di avere un grande allenatore come Pianigiani: lo vorremmo a tempo pieno anche per farne uno dei nostri uomini-immagine. I primi obiettivi? Fare bella figura agli Europei e riaffacciarci alle Olimpiadi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!