Assistenza familiare. Gentile: ‘Già 900 contratti in Puglia’

Bari. L’assessora al Welfare ha ricapitolato i risultati ottenuti nell’ambito dei programmi regionali dedicati alla cura domiciliare

BARI – “Grazie ai risultati di sistema ottenuti dal progetto R.O.S.A., oggi 900 assistenti familiari in Puglia godono di regolare contratto di lavoro e sono diventati un anello importante di quella idea di presa in carico delle persone fragili sempre più di prossimità e sempre più umanizzata. Con il Programma AsSaP continuiamo a perseguire politiche di welfare a sostegno delle fragilità e dei soggetti deboli. Abbiamo colpito al nervo del disagio: l’occupazione femminile, spesso di soggetti extracomunitari e in un settore, quale quello dell’assistenza domiciliare e dei servizi alla persona, dove il lavoro non regolare è cattiva abitudine”. Lo ha dichiarato Elena Gentile, assessora al Welfare e alla Sanità della Regione Puglia, nel corso del convegno di presentazione dei risultati e dei programmi regionali e nazionali di servizi alla persona, a cura di Censis, Italia Lavoro e Regione. Solo con il programma AsSaP si registrano 460 lavoratori assunti, 111 sportelli aperti nelle sei province, 145 operatori ad erogare i servizi, 27 agenzie di intermediazione dichiarate idonee, seguite da Italia Lavoro nelle attività per la formazione individualizzata di colf, badanti e assistenti familiari e nello svolgimento delle procedure necessarie all’attuazione dei percorsi di politica attiva: il Programma AsSaP (Azione di sistema per lo Sviluppo di Servizi alla Persona) in Puglia, ha permesso di migliorare l’occupazione nel settore della cura domiciliare, contrastando il lavoro non regolare, attraverso la qualificazione e la successiva assunzione dei lavoratori e delle lavoratrici impegnate nei servizi di cura. “Stiamo invertendo la tendenza, garantendo oltre all’emersione del nero, un miglioramento del servizio grazie alle attività di formazione e alla regolarizzazione di badanti, colf e assistenti familiari – ha concluso Gentile –. Il programma AsSap è parte di una serie di politiche a sostegno della conciliazione vita/lavoro in Puglia, dell’occupazione femminile e della lotta al lavoro non regolare come i patti sociali di genere, i piani territoriali per i tempi e gli spazi, il sostegno alla genitorialità nel lavoro, il progetto R.O.S.A. e altri interventi che mirano a governare e sviluppare questi processi”. Articoli correlati: Il rosa batte il nero Progetto Rosa: il bando

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!