Lettori ‘volontari’, c’è il corso

Lecce. L’iniziativa di Provincia e Centro per il libro per diffondere la pratica della lettura

LECCE – Incentivare la lettura? La Provincia di Lecce ed il Centro per il libro e la lettura del Ministero per i beni culturali organizzano un “Corso per lettori volontari”. Due giorni di appuntamenti, il 24 e il 25 giugno, nella sala Teatrino della biblioteca provinciale “Bernardini” a Lecce (ex Convitto Palmieri, in piazzetta Carducci). L’iniziativa ha il sostegno di Arcus-Arte Cultura Spettacolo, nell’ambito del progetto nazionale “In vitro”, che si propone di allargare la base dei lettori, incoraggiando, in particolare, le azioni dedicate alla prima infanzia. Il corso sarà curato dal “Centro per la salute del bambino onlus” e i docenti saranno Tiziana Cristiani e Alfonso Cuccurullo. // Il programma del corso Lunedì 24 giugno I sessione (ore 9-13): Il progetto “Nati per leggere”; Benefici della lettura ad alta voce (sviluppo biologico, cognitivo, relazionale, emotivo del bambino); Ruolo dei lettori volontari. II sessione (ore 13-18): Le varie tipologie di libri per la fascia di età 0-6 anni; Il gioco dell'accoglienza: come presentarsi ai bambini e ai genitori, come introdurre la lettura. Martedì 25 giugno III sessione (ore 9-13): Il ritmo emotivo, la voce e i suoni: come utilizzare la propria voce in relazione alla lettura, all’ambiente e all’età dei bambini; Comunicare attraverso il corpo: la gestualità e le espressioni. La partecipazione al corso è gratuita, ma è necessario iscriversi inviando, entro le ore 12 del 19 giugno 2013, una e-mail all’indirizzo: [email protected], indicando nome e cognome del partecipante, data di nascita, indirizzo di posta elettronica e recapito telefonico. Saranno ammessi i primi 35 iscritti in ordine di arrivo delle domande. Articolo correlato: Libri. Leggono solo tre pugliesi su dieci

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!