Arrestato giovane spacciatore

Campi Salentina. Arrestato un incensurato di vent'anni per spaccio di marijuana

Era arrivata sino a Leverano la notizia che a Campi Salentina ci fosse un giovane pronto a procurare marijuana a richiesta. Il passaparola tra amici aveva fatto il giro “giusto”, evidentemente, sottotraccia come si conviene in questi casi. Ed era scattata dunque la “prenotazione” per la cessione: 25 grammi di “fumo” che Cosimo PAGLIARA, classe 1993, sinora sconosciuto alle cronache giudiziarie, avrebbe messo a disposizione della richiedente, una diciannovenne di Leverano anch’ella incensurata. Il problema, per il PAGLIARA, è stato il fatto che i Carabinieri, da qualche tempo, avessero avuto sentore di certi “movimenti” che e avessero quindi deciso di approfondire la questione. Il resto l’hanno fatto un pomeriggio assolato e un pattugliamento di prevenzione antidroga, in svolgimento al momento giusto e nel posto giusto. Militari del NORM – Aliquota Operativa della Compagnia CC Campi Salentina stavano appunto pattugliando l’abitato di Leverano, nel primo pomeriggio di ieri , quando hanno notato appunto transitare l’auto di una ragazza locale, a sua volta vicina ad ambienti di consumatori di stupefacenti. Considerata l’ora peculiare (il primissimo pomeriggio) e l’informazione di quel “ponte” tra Campi e – appunto – Leverano, è sorto il dubbio che la diciannovenne potesse essere diretta nell’abitato campiota. Gli operatori hanno perciò iniziato un servizio di pedinamento e osservazione discreta che ha confermato i dubbi: quella stessa auto, intorno alle 16.30, si stava aggirando proprio nei pressi dell’abitazione del PAGLIARA, stavolta con a bordo anche una seconda ragazza (una ventunenne risultata anch’ella leveranese) Il seguito si è consumato in una manciata di minuti. Una volta ripartito, l’automezzo sospetto è stato fermato da una pattuglia Radiomobile del NOR e sono scattati controlli, perquisizioni e accompagnamento delle due in caserma. Qui l’attività d’indagine si è sviluppata rapidissima, con il supporto fornito anche dalle Stazioni CC di Campi Salentina e Leverano. E sono arrivate le ammissioni: la diciannovenne ha consegnato spontaneamente un involucro di circa 26 grammi contenente marijuana, la sua amica un bilancino di precisione, entrambi nascosti tra i rispettivi vestiti. Entrambe hanno dichiarato di essere assuntrici di quella sostanza da tempo. E, soprattutto, la rivelazione più importante: quella droga era stata appunto ceduta alle due ragazze poco prima dal PAGLIARA, cui era stata “prenotata” il giorno prima e che in cambio avrebbe ricevuto, entro pochi giorni, il corrispettivo tra i 100 e i 130 €. Immediata è scattata una ulteriore perquisizione domiciliare a carico del giovane, tornato precipitosamente a casa dopo aver saputo della presenza dei militari. E non senza aver prima provveduto a far sparire altri tre grammi di marijuana, troppo compromettenti e perciò fatti gettare nel water. Non ci ha messo molto però a confessare anche lui quest’ultimo “trucchetto”, durante le ricerche condotte dai Carabinieri anche con l’ausilio di unità cinofile antidroga della Guardia di Finanza. E così, al termine di una raccolta sicuramente insolita, proprio due grammi di “maria” sono stati infine recuperati tra i liquami del pozzo nero. Per il PAGLIARA si è dunque concretizzata l’accusa di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente, con dichiarazione in stato di arresto e – su decisione della dottoressa Carmen Ruggiero, P.M. di turno della Procura della Repubblica di Lecce – conseguente restrizione agli arresti domiciliari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment