Eccellenza Tripadvisor 2013 a ‘Pizza & Co’

STORIA DELLA DOMENICA. Lecce. La pizzetteria da asporto nel cuore del centro storico è la prima nella classifica di gradimento degli utenti Tripadvisor

Se ricercate su Tripadvisor, il portale di viaggi più grande al mondo, il migliore ristorante di Lecce, il risultato sorprendentemente vi dirà: “Pizza & Co“. E così la piccola pizzeria da asporto di Via LIbertini, nel cuore del centro storico, ha ricevuto l'encomio del celebre portale. Questo premio viene riconosciuto solo alle strutture che con costanza ricevono recensioni eccellenti da parte dei viaggiatori di TripAdvisor estendendosi alle strutture idonee in tutto il mondo. Solo il 10 percento delle migliori strutture presenti su TripAdvisor ha l'onore di ricevere questo prestigioso premio. “Il nostro obiettivo – ha spiegato Maurizio Ortona, titolare di Pizza & Co – è di offrire ai clienti un'esperienza che coniughi qualità e semplicità e questo riconoscimento prova che il nostro impegno costante si traduce in recensioni positive su TripAdvisor”. “TripAdvisor è lieta di celebrare il successo delle strutture di tutto il mondo – spiega Alison Copus, Vice Presidente del Marketing per TripAdvisor for Business – da Sydney a Chicago, da Sao Paulo a Roma; strutture che offrono costantemente ai viaggiatori di TripAdvisor un servizio di eccellenza. Il Certificato di Eccellenza premia le strutture più apprezzate in tutto il mondo con il riconoscimento che meritano, sulla base del feedback di coloro che contano di più: i clienti”. Per ricevere un Certificato di Eccellenza, le strutture sono tenute a mantenere un punteggio complessivo pari o superiore a 4 su 5, secondo le recensioni dei viaggiatori su TripAdvisor, e devono essere presenti sul portale da almeno 12 mesi. Un ulteriore criterio di valutazione è la quantità di recensioni ricevute negli ultimi 12 mesi. Vien da chiedersi, allora, cos’abbia di tanto speciale Pizza & CO? Maurizio e Paolo Ortona, pizzaioli napoletani nel centro storico di Lecce. Il loro accento partenopeo tradisce le loro origini ma il loro amore per la terra che li ha adottati li rende salentini doc. Ecco una storia positiva di successo e vittoria professionale. Due fratelli e una grande passione per la buona cucina. Una pizzeria nel cuore della città barocca. Da oltre un anno Tripadvisor segnalava ai primissimi posti il loro locale ‘Pizza & Co’ come il miglior posto in cui mangiare una pizza. Ed ora arriva il certificato di Eccellenza. Di certo non per una pizza qualsiasi: “una signora pizza.. golosa, superba, di qualità superior, dall’impatto leggero, morbido e croccante all’esterno”, per descriverla con le parole di chi l’ha assaggiata e la consiglia su Tripadvisor! Così Maurizio e Paolo, 40 e 43 anni, sono diventati i principi della pizza napoletana in terra salentina e hanno conquistato il cuore , oltre che la pancia, di una fetta sempre più larga di clienti e appassionati che continuano ad affollare il loro locale, a pochi passi da Piazza Duomo, in uno dei luoghi più suggestivi di tutta Lecce. Due fratelli napoletani trasferiti in Salento… avete portato nel cuore del barocco, l’arte della pizza napoletana. Qual è il segreto della vostra pizza? “Siamo nati entrambi a Napoli. Paolo è il più ‘napoletano’ dei due… ogni giorno legge ‘Il Mattino’ è un tifoso sfegatato della squadra del Napoli e parla in maniera molto colorita. Maurizio, io, sono il più concreto e tecnico ma senza mai dimenticare la mia napoletanità, mi piace definirmi ‘napoletanamente salentino’. Siamo onesti: non abbiamo particolari segreti. Quello che guida la nostra attività è l’amore per il nostro lavoro, la passione dietro ogni scelta riguardante le materie prime da utilizzare, la ricerca di nuove soluzioni per il miglioramento costante del nostro prodotto e soprattutto il grande senso di accoglienza. che può sembrare incredibile per una piccola pizzetteria, ma è confermato da chi ci conosce. Da noi vale il motto ‘Tornate sempre, anche solo con il cuore e non con la pancia’ , cioè passate, che ci facciamo due chiacchiere a prescindere dal fatto che abbiate fame”. Come ci si sente ad ottenere questi importanti riconoscimenti anche su Tripadvisor? “Quando aprimmo la nostra attività, 15 anni fa, la nostra clientela era prevalentemente costituita da persone nate nel Salento; con gli anni la città è cresciuta da ogni punto di vista, culturale, organizzativo e turistico, ma noi ancora oggi, quando entrano le vecchiette del quartiere e sorridono, ci diciamo sempre che finché la città continuerà a sceglierci la nostra azienda non potrà far altro che crescere. Da sempre il passaparola è stata la nostra forma pubblicitaria preferita e TripAdvisor era il megafono di cui avevamo bisogno. Chiaramente l’attenzione deve essere ancora più alta visto che il sito, come ti porta verso l’alto, se non sei pronto a cogliere l’occasione, ti boccia inequivocabilmente. Oramai è più di un anno che ci attestiamo tra il primo ed il secondo posto e questo non fa altro che stimolarci ancora di più”. Qual è la storia del locale? “Pizza&Co. nasce nel 1998 dall’idea di due fratelli napoletani che decidono di ripensare in modo creativo il cibo che più di ogni altro racconta la storia del loro paese, Napoli. Partendo dalla lavorazione della massa, la cottura e la materia prima, Maurizio e Paolo intendono servire un prodotto che riesca a coniugare lo ‘Street Food’, il cosiddetto cibo da strada, con l’alta qualità che contraddistingue la gastronomia italiana. La farina, il sale, l’acqua ed i lieviti sono l’inizio di un processo che viene controllato in ogni passaggio; la cura delle temperature. dei tempi di impasto e della lievitazione rendono il prodotto molto fragrante e altamente digeribile; il pomodoro San Marzano, l’olio extravergine e la mozzarella rigorosamente fresca rendono la pizza di questo piccolo locale nel centro storico di Lecce una vera esperienza culinaria”! Qual è il vostro cavallo di battaglia? “Da anni oramai la nostra pizza cult è la ‘Sasic’ e Friariel’: una pizza che si rifà ad un piatto della tradizione napoletana, un secondo con contorno. Salsiccia con verdure rigorosamente e tipicamente napoletane, i friarielli, una sorta di broccolo da non confondere assolutamente con le rape; inoltre la pizza è rigorosamente bianca”. Ci sono dei gusti diversi per i diversi target di clienti: giovani, anziani, leccesi, turisti? “In assoluto la pizza più venduta è la Margherita, in maniera trasversale colpisce tutti i tipi di persone indistintamente e, a mio modo di vedere, giustamente. L’unico modo per testare una pizzeria è proprio assaggiare i prodotti dove si avvertono facilmente i tre elementi costitutivi: la pasta, il pomodoro ed infine la mozzarella, solo così si ha la possibilità di capire se vale la pena assaggiare anche il resto”. C’è un cliente più esigente degli altri? “I clienti più esigenti paradossalmente sono quelli che ti aiutano a migliorare, bisogna sempre ricordarsi che abbiamo clienti oramai da anni che conoscono il nostro prodotto quasi meglio di noi e quando avvertono differenze, sono prontissimi a segnalarci il cambiamento. I clienti esigenti sono i nostri preferiti, perché tendenzialmente amano il buon cibo come noi, sono attenti alle provenienze ed alla loro salute, tutti argomenti che mi colpiscono visto che spesso in pizzeria vengono i miei due figli piccoli e io mai potrei dare loro qualcosa di cui non sono pienamente convinto. Allo stesso modo mi comporto con le persone che decidono di fermarsi a mangiare un boccone da noi”. C’è un aneddoto che vi è rimasto nel cuore? “Ovviamente sì. Una sera andò via l’energia elettrica in tutta la città, avevamo preparato diverse cose e incredibilmente, completamente al buio, le persone continuavano ad entrare e a prendere pizza e panini senza neanche poter vedere. Questo ci ha fatto capire quanto ormai le persone si fidino di noi. E un’altra cosa che ricordiamo sempre con il sorriso è la dedica in poesia di cui ci ha voluti omaggiare Fabio Pollice, cliente e professore universitario”. ve la riportiamo qui: Pizza & Co. Stasera oi né Togliete nu sfizio Vatt’a magnà na pizza Addò Paolo e Maurizio Sti ddoie rint’a na pizza Ce mettono ‘o core Sinnò cumm to spiec Chillu die ‘e sapore Chillu profummo Ca se spann p’a via E allegra l’anema toie e pure a mia Cu sta delizia te fann’arricreà Tanta ca sol’a pizza tu te vurria magnà Ma cumme faie A nun pruvà o panino Ca pure tene un gusto sopraffino Sarrà l’ammore per la qualità Ma cumm’è bbone quell ch’esce accà Sarann e chiacchiere ca ce facimm assieme N’copp a la vita e a chi ce vò cchiù bbene Ma quann trase rint a stu locale Tu te faciss cà Epifania, Pasqua e Natale E si te manca e Napule ‘o calore Puortate sti delizie rint’o core!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment