Bando commercio sotto attacco hacker

Bari. Dopo la falsa partenza, rimandata a più riprese a mai davvero avviata, il bando commercio della Regione è stato anato e sarà ripubblicato nei prossimi giorni

BARI – E’ stato uno dei bandi regionali dalla storia più tormentata. Si tratta del bando “Interventi a favore delle Pmi nel settore del commercio” indetto dalla Regione Puglia, che mette a disposizione dei piccoli commercianti 6.579.387 euro. Il giorno stesso dell’apertura, il 4 marzo 2013, per via dell’elevato numero di domande presentate – migliaia, contemporaneamente – il sistema on line andò in tilt. Più volte Via Capruzzi ha tentato di rimediare chiedendo ai propri tecnici di trovare la soluzione più adeguata a garantire a tutti l’opportunità di iscriversi. Ma senza risultati. Il tutto si è concluso con un a di fatto. Perché dopo più tentativi di ripristinare il servizio, la piattaforma informatica per la presentazione delle domande è stata colpita da un attacco hacker che ha prodotto una manomissione dei dati presenti nel sistema. L’assessora allo Sviluppo economico, Loredana Capone, ha spiegato che il bando, la cui riapertura era stata fissata al 29 aprile, sarà anato e presto ne sarà emanato uno nuovo. “Dato che la Regione deve tutelare le esigenze di trasparenza e imparzialità, assicurare pari opportunità a tutti i possibili utenti e salvaguardare gli interessi delle piccole imprese commerciali che intendono accedere al bando – ha riferito Capone – e dato che il complesso delle criticità emerse nella gestione del bando ed in particolare l’alterazione dei dati informatici incide sul regolare svolgimento della procedura del bando e che non è più possibile assicurare l’integrità e autenticità dei dati immessi dalle imprese e quindi la genuinità dell’istruttoria, ho informato la Giunta che il servizio Attività economiche sta provvedendo all’anamento del bando”. Intanto, lo scorso 23 aprile, Innovapuglia, la società che gestisce per conto della Regione il sito web per la registrazione delle domande, ha presentato denuncia alla Procura della Repubblica, tramite la Polizia Postale. Il nuovo bando sarà predisposto entro 30 giorni dalla pubblicazione dell’atto di anamento. 13 marzo 2013 Bando commercio. La riapertura slitta al 29 aprile BARI – Sarebbe dovuta ripartire oggi alle ore 12 la procedura per accedere al bando “Interventi a favore delle Pmi nel settore del commercio” interrotta il giorno stesso dell'attivazione per problemi tecnici al portale (l’iscrizione può avvenire solo via internet) causati da un numero di accessi non previsto. E invece la vicepresidente della Regione Loredana Capone ha annunciato un nuovo slittamento, stavolta al 29 aprile, alle ore 11, con scadenza il 29 maggio. “Uno slittamento opportuno – ha spiegato Capone – per evitare ulteriori rischi di rallentamenti e per garantire le posizioni di chi ha già presentato la domanda e di chi ha avviato la procedura, che ritroverà identica a come l’aveva lasciata”. “Benché siano stati effettuati test sulla base di dati di partecipazione ai bandi per il commercio degli anni scorsi – ha aggiunto -, abbiamo verificato che si rende opportuno potenziare le infrastrutture tecnologiche a sostegno della struttura per assicurare un funzionamento ottimale della piattaforma. Il vantaggio dell’accesso on line è quello di garantire il miglior tempo possibile di istruttoria, compensando comunque i disagi dello slittamento dei tempi. La procedura telematica, inoltre, così come il criterio cronologico della Pec, oltre a rendere più rapida la procedura, rappresenta una garanzia di trasparenza e imparzialità per gli utenti”. InnovaPuglia, la società regionale che gestisce la procedura di accesso al bando, sta sostituendo i server destinati ai bandi con altri dotati di una capacità di elaborazione dieci volte superiore a quella di oggi. “Negli anni scorsi – ha continuato la vicepresidente -, il massimo picco raggiunto dai bandi destinati al commercio non ha mai superato infatti le 1.700 richieste. Adesso la crisi ci mette di fronte ad uno scenario differente. Ecco perché dopo quanto è avvenuto la settimana scorsa, non abbiamo voluto sottovalutare l’affluenza, preferendo dare agli utenti maggiori garanzie grazie ad un’infrastruttura tecnologica potenziata”. Articoli correlati: Bando commercio. Si riparte il 13 Bando commercio: sistema puglia in tilt

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!