Cicerchie e pesce spada vincono i fornelli indecisi

Lecce. Asparagi, cicerchie, pesce spada e mandorle conquistano i Fornelli Indecisi – Terza editione

Lecce. Alla conquista dei fornelli. Indecisi. Nella bella cornice di Masseria Ospitale si è tenuta ieri la terza festa della cucina dozzinale. 80 le ricette giunte da tutta Italia e 5 mila gli utenti coinvolti anche in rete (con circa 20 mila visualizzazioni di pagina) provenienti da una cinquantina di paesi sparsi in tutti i continenti e una sfida finale a colpi di piatti. Tra tanto cibo accompagnato da buon vino, anche musica e racconti. La giuria ha avuto non poche difficoltà nel giudicare le ricette giunte alla finalissima, perchè qusi tutte meritevoli di vittoria. Il patron Pierpaolo Lala è stato affiancato nell'arduo compito da Donpasta, Metella Ronconi, Manila Benedetto, Pino De Luca, Roberto Covolo, Francesca D’Agnano, Pierpaolo Sammartino, Daniela Sabato, Letizia Basile, Paola Sgobba e dallo chef Giorgio Marcorelli. Numerosi i premi assegnati ai partecipanti grazie alla preziosa collaborazione di Libera Terra di Puglia, Arome de cacao, Birranova, Candido, Cantele, Cantine Due Palme, Cardone, Coldiretti Lecce – Campagna Amica, Coolclub, Devimar, Dieta Med-Italiana, IKEA Bari, Intini Olio, La Luisa – Tenuta dei Conti Stajano, Lupo Editore, Masseria L’Astore, Masseria Ospitale, Melcarne, Merica, Movimento Turismo del Vino – Puglia, Olivotto, Pasta Gentile, Pazlab, Perché ci credo, Pizzaviaggiando, quiSalento, Repubblica Salentina, Royal Gelati, Salento In Tasca, Salumificio Santoro, Santi Dimitri, Tirsomedia, Vincotto Primitivo. Il più govane del gruppo dei finalisti Ernesto Rosso Guerrieri ha conquistato un corso di pasticceria (andato anche alle finaliste dei dolci) offerto da Arome De Cacao e un corso di cucina dello chef Francesco Nacci proprietario dei ristoranti La Fontanina e Botrus di Ceglie Messapica (Br). Un premio speciale per la migliore storia legata al piatto (offerto da Lupo Editore) è stato assegnato a Simona Schiano di Coscia per “O’ pesce fiùto”. Il premio per il miglior impiattamento Ikea – Bari è stato invece vinto da Ilaria Ersilia Perrucci di Mesagne con “Il mio polpettone al forno con le patate” (la domanda che la giuria si è posta è stata “come si impiatta un polpettone?”). Tra gli antipasti ha vinto la leccese Rossana De Iaco con Frittelle di Asparagina, nella categoria primi l'ha spuntata “Cicerula (Il pasto del re)” di Gabriele Molendini. La calabrese Bianca Scalfari ha vinto nei secondi con una notevole “Parmigiana di pescespada”. E per ultimi, ma non ultimi, tra i dolci la vittoria è andata a Fabiana Salsi e Giorgio Vigna con Tort’à Surriend – Caprese al Limone accompagnata dall'ottimo limoncello di zia Nunzia. Il leccese Gabriele Molendini in sella al suo Chopper giallo si è anche aggiudicato il premio speciale Coldiretti – Campagna Amica. Queste le altre ricette che hanno partecipato alla finale: “Calamarata secondo Pagnussat” di Danilo Pagnussat (Lecce), Tris Cecora Pride (Il riscatto della cicoria) di Fabio Zollino (Lizzanello, Le), Agnello in salsa di acciughe di Matteo Corvaia (Frisinone) e Spice Roses – Federica e Francesca Scorza (Nardò, Le). Una parte dell'incasso è stato devoluto a Ortoporto, il primo progetto di “agricoltura sociale” nato nella Comunità Riabilitativa Assistenziale Psichiatrica “Villa Libertini” di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!