Ammortizzatori sociali. Caroli: ‘Il Governo agisca subito’

Roma. L’assessore al Lavoro della Regione Puglia ieri ha preso parte alla manifestazione indetta dalle organizzazioni sindacali

ROMA – Sono ancora gli ammortizzatori sociali a togliere il sonno agli amministratori regionali pugliesi. L'assessore al Lavoro, Leo Caroli ieri ha partecipato alla manifestazione indetta unitariamente dalle organizzazioni sindacali a Roma per chiedere al Governo di stanziare le risorse necessarie a garantire la copertura degli ammortizzatori in deroga per il 2013. “Da mesi le Regioni, forse perché più vicine del Governo nazionale ai cittadini ed al territorio – ha detto Caroli – hanno compreso la gravità della situazione ed hanno segnalato al Governo le criticità legate ad uno stanziamento di risorse del tutto insufficiente a coprire le necessità delle imprese e dei lavoratori per il 2013. Il grido di dolore di tutte le Regioni, e della Regione Puglia in particolare, è rimasto sin qui inascoltato”. “Le risorse individuate dal Governo Monti – ha aggiunto – sono totalmente insufficienti: alle Regioni sono state attribuite risorse per l'intero 2013 pari a un quarto di quanto speso nel 2012, a fronte di richieste che,soprattutto nel Centro nord sono in crescita esponenziale. I lavoratori non possono essere lasciati senza un paracadute ad affrontare la crisi. Il Governo continua a parlare di risorse per il primo semestre, ma la verità è che per quasi tutte le Regioni non si riuscirà ad andare oltre il mese di aprile 2013. Le Regioni sono state chiamate a fare scelte dolorosissime, scelte che la Puglia ha fatto grazie anche al senso di responsabilità delle parti sociali; ora è tempo che altri livelli istituzionali diano le risposte che attendiamo”. “Bene hanno fatto – ha concluso – le organizzazioni sindacali a dare questo segnale; la Regione Puglia è al loro fianco in una battaglia che coinvolge tutti, sindacati, lavoratori, ma anche imprese e organizzazioni datoriali. Bisogna dare ossigeno a chi rischia di essere soffocato dalla crisi e bisogna farlo immediatamente. Il Governo agisca subito”. Articolo correlato: Cassa in deroga. Vendola sollecita il Governo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!