Rifiuti, taglio del nastro all’Ecocentro

Gallipoli. Inaugurata ieri, la struttura sarà operativa da oggi per il conferimento di rifiuti ingombranti

GALLIPOLI – Sarà operativa da oggi e consentirà ai cittadini di depositare materiale ingombrante o vecchio, esausto o in disuso evitando il formarsi di discariche a cielo aperto. È stato inaugurato ieri mattina l’Ecocentro della Città di Gallipoli, in via Pier Paolo Pasolini, nel Peep 3. La struttura funzionerà nelle giornate di venerdì, sabato e lunedì (dalle 8 alle 13). Il sindaco Francesco Errico ha voluto che a tagliare il nastro della struttura fosse simbolicamente un bambino, a testimoniare il duplice significato di un centro che serve soprattutto per incentivare politiche educative rispettose dell’ambiente e dell’habitat naturale e che deve garantire la tutela del territorio, a beneficio delle attuali e future generazioni.

ecocentro

L'ecocentro di Gallipoli “L’obiettivo che l’Amministrazione comunale si pone con l’apertura dell’Ecocentro – ha commentato il primo cittadino – è quello di eliminare quelle vergognose discariche a cielo aperto che mortificano e deturpano questa città. La tutela ambientale è una conquista molto importante, anche perché ripulire e bonificare comporta tempo ed impegno, mentre a sporcare e degradare non ci vuole a. L’auspicio, dunque, è che questa struttura rappresenti per davvero il simbolo ed il presidio di una città che si rispetta e si ama e che dice no ad atti così riprovevoli ed infimi come quelli che inquinano e sfigurano il territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment