Impresa dell’Ancona che espugna il Palaitalgest

Sconfitta casalinga per il Casarano, superato dall'ottima prova dei marchigiani

Sconfitta inaspettata in casa Italgest, dove l’Ancona con una prova superba espugna il “Palaitalgest” di Lecce vincendo così la seconda partita consecutiva dopo quella di martedì scorso contro il Fasano. Il primo tempo tutto sommato è all’insegna della parità assoluta anche se sono sempre gli ospiti che allungano grazie all'apporto dei soliti Lazarevic e Murga. L’Ancona ha recuperato una pedina importante come Davide Campana fermo da mesi per un problema al crociato. Il nazionale è stato impiegato poco ma quanto è entrato ha fatto sentire il suo peso. Il Casarano si è presentato a ranghi completi, seppur con qualche acciaccato come Opalic, dolorante al braccio e Telepnev che recuperava dall’influenza. L’Ancona comunque è sempre avanti col Casarano che insegue. La difesa risente dell’assenza di Opalic, pedina importante per mister Massoti; di contro l’Ancona è determinato in attacco è va a segno con una certa facilità. Primo tempo che si chiude 15 a 15. Nel secondo Tempo la musica non cambia ed è sempre l’Ancona che caparbiamente ha le redini del gioco in mano. Murga su tutti è stato sen’altro il migliore in campo. E’ lui che guida la regia dell’attacco anconitano. Lazarevic e Prskalo, l’ex di turno, sono i finalizzatori della manovra. Il periodo più critico per i rosso azzurri si registra tra il 12° e il 20° minuto. Infatti l’Ancona raggiunge il massimo vantaggio di +6, con il Casarano che non riesce ad arginare gli attacchi e la seconda fase degli ospiti. Poi uno scatto di orgoglio fa si che gli uomini di mister Massotti, su tutti Torbica e Stevanovic, riescono ad avvicinarsi all’Ancona con un parziale di 5 a 1. Ma ormai non c’è più tempo per recuperare e la cenerentola del torneo riesce a portasi a casa 3 punti preziosi a spese dei campioni d’Italia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!