Mostre e concerti per il Cinema europeo

Lecce. Al castello Carlo V, Kaurismaki e all’ex monastero dei Teatini, Francesca Neri. E al Livello 11/8 spettacolo musicale dei Djaguaros

LECCE – Sino al 13 aprile presso l’ex Monastero dei Teatini una mostra fotografica dedicata a Francesca Neri. Splendidi scatti. A cura di Antonella Felicioni, realizzata in collaborazione con la Fototeca del Centro Sperimentale di Cinematografia. Il castello di Carlo V ospita la mostra “Ombre dal Paradiso: Aki Kaurismaki“. A cura di Massimo Causo. Quest’anno in collaborazione con l’Apulia Film Commission, un evento speciale aperto alla città di Lecce presso Livello 11/8, sulla strada statale Trepuzzi-Lecce. Oggi lo spettacolo musicale dei Djaguaros che presentano ‘Fiori di carta’, un omaggio al più grande chitarrista europeo di tutti i tempi, Django Reinhardt. Nato in Belgio e cresciuto a Parigi nei primi anni del secolo scorso, ha da sempre affascinato gli storici musicali, sia per la sua vita bohemienne sia per la sua virtuosa genialità nello sviluppare uno stile, un fraseggio e una timbrica sonora che lo hanno reso unico al mondo. La storia di Django viene raccontata nello spettacolo ‘Fiori di carta’ proposto dai Djaguaros, gruppo di musicisti/attori che provengono dal teatro, cinema e televisione. Paolo Sassanelli (chitarra e voce), Luciano Scarpa (contrabbasso), Giorgio Tirabassi (chitarra). Insieme ai musicisti Luca Giacomelli (chitarra) e Alessandro Golini (violino) che raccontano attraverso letture, immagini e canzoni la straordinaria vita di Django. Passando da aneddoti divertenti fino ad arrivare a contenuti più importanti, come il valore della musica di uno zingaro vissuto nel periodo del regime nazista e scampato, grazie al suo talento, alle persecuzioni razziali. Il tutto, alle 23.00. Ingresso libero.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!