Borse di studio regionali, il 60% trova lavoro

Bari. “Ritorno al Futuro” si rivela uno strumento utile per l’inserimento nel mercato del lavoro dei giovani pugliesi. Sasso e Minervini: “Lo riproporremo”

BARI – In tanti rispondono “occupato”. Sono il 58,5% dei pugliesi che, intervistati a 12 mesi dalla fine del master, hanno beneficiato delle borse di studio di “Ritorno al Futuro” ed il 58,9% dei pugliesi che per studiare hanno usufruito del finanziamento di “Bollenti Spiriti”. I due interventi sostengono la qualificazione dei giovani laureati pugliesi attraverso l’erogazione di borse di studio per la frequenza di master post-laurea. Ad oggi sono stati finanziati 12.534 studenti per un impegno totale di spesa di 191.647.500 euro. Questi dati sono solo alcuni dei risultati emersi dal rapporto sulla valutazione esterna relativo alla programmazione regionale 2000-2006 in materia di “Iniziativa del Servizio Formazione Professionale Bollenti Spiriti” attivato dalla Regione Puglia ed effettuato da società di ricerca e consulenza come Cles s.r.l., Te.Dim Europa e Laser. Lo studio, condotto su un campione di beneficiari dell’Avviso 5/2006 – Bollenti Spiriti e su un campione dell’Avviso 1/2008 – Ritorno al Futuro, risulta ancora più interessante perché la valutazione d’impatto è stata condotta secondo il cosiddetto modello “controfattuale”, ed ha previsto la valutazione dell’efficacia dell’intervento formativo attraverso il confronto con i risultati conseguiti da un gruppo di controllo. Il campione riferito al gruppo di controllo è composto da soggetti che non hanno beneficiato degli interventi previsti dal programma pur avendo avanzato istanza di partecipazione. Ciò perché, grazie alla presenza di pari requisiti di accesso, è stato possibile esaminare persone in possesso di caratteristiche del tutto simili a coloro che hanno beneficato del programma. È quindi emerso che il tasso di placement a 12 mesi dalla fine del corso è pari al 58,5% per i beneficiari di “Ritorno al Futuro” e 58,9% per i beneficiari di “Bollenti Spiriti”. Per i non beneficiari di “Bollenti Spiriti” il dato è pari al 51,4% mentre per i non beneficiari di “Ritorno al Futuro” è pari al 45,1%. Se per i finanziati di “Bollenti Spiriti” sono occupati il 7,5% in più rispetto ai non finanziati, il distacco aumenta per “Ritorno al Futuro”: ha trovato occupazione a 12 mesi dalla fine del corso il 13,4% in più dei beneficiari rispetto ai non beneficiari. Focalizzando l’attenzione su alcune caratteristiche più rilevanti, per i partecipanti a “Bollenti Spiriti” si osserva che il tasso di placement è più elevato per i maschi: a 12 mesi, la differenza è di 1,3 punti percentuali (58,4% Femmine e 59,7% Maschi), analogo discorso per “Ritorno al Futuro”: qui i maschi occupati sono il 59,6% contro il 57,8% delle donne (differenza di 1,8%). Analizzando i dati specifici per tipo di laurea, i tassi di placement più elevati riguardano coloro che hanno un titolo di studio scientifico-tecnologico, mentre il dato meno positivo è quello relativo a lauree rientranti della macro-area delle discipline umanistiche. Si tratta di differenze significativamente alte per “Bollenti Spiriti” (16 punti percentuali a un anno dalla fine del master che riflettono, tuttavia, tradizionali divari di occupabilità) ma che si assottigliano per “Ritorno al Futuro”, dove si osservano differenze minime nell’ordine di un punto percentuale. Un ulteriore aspetto considerato riguarda il luogo dove si è svolto il master: per i beneficiari di “Bollenti Spiriti” i tassi di placement migliori sono registrati da coloro che hanno seguito un master sul resto del territorio nazionale (63,7%), seguiti da quelli che sono stati all’estero (56,3%) mentre, nel caso di coloro che hanno svolto il loro percorso formativo in regione, il dato è pari al 50,8%. Nel caso di “Ritorno al Futuro”, in relazione al luogo di svolgimento del master, il valore più alto si registra tra i soggetti che hanno seguito un master all’estero (66,7%) o che lo hanno seguito sul territorio nazionale (66,4%) mentre il tasso di placement per chi ha frequentato il master in Puglia è decisamente più basso (50,4%). In conclusione, è stato misurato l’indice di soddisfazione, cioè quanti fra i frequentanti dei percorsi formativi sono rimasti soddisfatti dell’esperienza fatta, al di là dell’effettivo successo dell’attività formativa svolta in termini occupazionali e dell’effettiva utilità dei master svolti. Il risultato è 70,6% per “Bollenti Spiriti” e 69,2% per “Ritorno al Futuro”. “Questi numeri sono un risultato importante – hanno dichiarato Alba Sasso, assessora al Diritto allo studio e formazione e Guglielmo Minervini, assessore alle Politiche giovanili -. Sono ancor più rilevanti anche in considerazione degli andamenti occupazionali nel mercato del lavoro regionale e nazionale. Le due iniziative, infatti, si sono svolte in una fase economica di crisi che ha portato a una riduzione dei tassi di occupazione, colpendo in misura maggiore rispetto alla media i giovani e le persone in possesso di titoli di studio universitari e post-universitari. Soprattutto i partecipanti a ‘Ritorno al Futuro’, hanno dovuto confrontarsi con un mercato del lavoro in cui le opportunità di occupazione si erano ridimensionate rispetto a pochi anni prima. In conclusione, riteniamo che l’intervento pubblico abbia aiutato questi giovani pugliesi a specializzarsi e ad avere maggiore chances da spendere sul mercato del lavoro, soprattutto nell’attuale contesto di crisi. Per queste ragioni anche quest’anno prevediamo la pubblicazione di un nuovo bando di ‘Ritorno al Futuro’”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment