Galatina-Sogliano. I nuovi confini in mano ai cittadini

Galatina. Approvata dal Consiglio regionale la proposta di legge per l’indizione di un referendum popolare sui nuovi confini tra i due Comuni

GALATINA – Saranno i cittadini di Galatina e di Sogliano Cavour ad esprimersi sui nuovi confini tra i due Comuni. Il Consiglio regionale ha infatti approvato all’unanimità la proposta di legge presentata da Salvatore Negro (Udc), Sergio Blasi (Pd) e Rocco Palese (Pdl) e che prevede che siano i diretti interessai a definire i nuovi confini territoriali tra i due Comuni, alla prossima tornata elettorale utile. L’obiettivo della legge approvata dal Consiglio è eliminare i disagi di quei cittadini che hanno scoperto di risiedere in un Comune diverso da quello in cui erano convinti di avere la residenza. La volontà di numerosi cittadini che chiedevano di modificare i confini delle circoscrizioni non si era mai tradotta in atto amministrativo a causa di una sentenza del Tar che aveva anato un decreto del presidente della Giunta. Grande soddisfazione è stata espressa da uno dei primi firmatari della proposta di legge, il presidente del gruppo Udc regionale, Salvatore Negro. “Il Gruppo Udc è impegnato da più di un anno per la modifica dei confini territoriali dei Comuni di Galatina e Sogliano Cavour, rispondendo ad un’istanza di cambiamento da parte delle popolazioni locali – ha sottolineato -. Abbiamo mantenuto fede al nostro impegno di portare il provvedimento in aula in tempi brevi e consentire di far svolgere il referendum nella prossima tornata elettorale utile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment