Welfare e primo soccorso. E’ il giorno degli attestati

Lecce. Oggi la consegna delle attestazioni di frequenza dei corsi alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni coinvolte

LECCE – La Provincia e la Asl di Lecce insieme per formare esperti di primo soccorso. Alle ore 16.30 di oggi, nella sala consiliare di Palazzo dei Celestini, il presidente Antonio Gabellone e il direttore generale della Asl Valdo Mellone consegneranno gli attestati di frequenza del corso “Welfare, qualità sociale del territorio e primo soccorso”. Saranno presenti Filomena D’Antini Solero, al cui assessorato alle Politiche sociali e Pari opportunità sono stati demandati l’organizzazione, lo sviluppo e la gestione delle singole iniziative congiunte, all’interno del Piano formativo rivolto a soggetti pubblici e privati che operano nel welfare locale, ed il direttore 118 Lecce Maurizio Scardia. Nel corso della cerimonia saranno consegnati due tipi di attestati: il primo, della Provincia di Lecce, ai partecipanti al corso della durata di 40 ore; il secondo attestato, da parte della Asl, che autorizza all’uso del defibribillatore dopo aver sostenuto l’esame del modulo BLSD, a 144 corsisti tra farmacisti, operatori sanitari, rappresentanti della Protezione civile, della Capitaneria di Porto, del Coni, di Assobalneari. Saranno presenti, inoltre, anche i presidenti degli enti di categoria coinvolti: Domenico Di Tolla, presidente dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce, Antonio Pascali, presidente del Coni Lecce, Salvatore Bisanti, presidente del coordinamento Protezione civile della Provincia di Lecce, Mauro della Valle, presidente di Assobalneari della Provincia di Lecce e Giacomo Cirillo, comandante della Capitaneria di Porto di Gallipoli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!