Armi e munizioni sotterrate in giardino. Ai domiciliari 29enne

Salice Salentino. Due pistole e 250 cartucce presso l’abitazione di Antonio Mogavero, già ai domiciliari per fatti di droga

SALICE SALENTINO – Armi e munizioni nascoste in giardino. Sottoterra. E’ accaduto a Salice Salentino, dove i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Campi Salentina, coadiuvati dai colleghi di Salice e del Nucleo Carabinieri Cinofili di Bari, ieri mattina hanno effettuato una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di Antonio Mogavero, 29enne del posto già noto alle forze dell’ordine e già agli arresti domiciliari per fatti di stupefacenti.

carabinieri giardino

Una laboriosa attività info-investigativa ha portato i militari a sospettare che nel giardino di pertinenza dell’immobile potessero trovarsi delle armi.

carabinieri armi

Infatti, l’unità cinofila antiesplosivo dopo aver ispezionato la zona ha iniziato a scavare in un angolo del giardino, con l’aiuto dei carabinieri presenti. Così, sotto quasi 50 centimetri di terra è stata scoperta una valigetta. Al suo interno la sorpresa: due pistole, una Zastava 6.35 (di fabbricazione Serba), matricola mai censita, quindi clandestina; una Beretta 7.65, con matricola non abrasa, su cui sono in corso degli accertamenti. Insieme alle pistole sono state trovate 250 cartucce: 110 relative alla pistola serba e 140 all’altra. Mogavero è stato quindi dichiarato in arresto e, su disposizione del magistrato di turno, sottoposto ai domiciliari. Armi e munizioni sono state sequestrate e saranno sottoposte ad accertamenti tecnici presso il Reparto Investigazioni scientifiche di Roma.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!