Matrimonio a rutulì

Un’aria d’opera e un canto popolare pugliese

Quella del carrettiere doveva essere una delle professioni più vicine alla condizione di Ulisse, che in fondo è un marito che esce di casa e non sa dirti esattamente a che ora rientra. In “Cavalleria rusticana”, di Mascagni, compare Alfio decanta con orgoglio il suo cavallo che scalpita e lo shiocco della frusta, mentre il coro ricorda che è proprio un bel mestiere fare il carrettiere. Ma quando Alfio torna a casa per Pasqua sappiamo che la sua Santuzza non è rimasta a fare la calza. Non avrà una schiera di pretendenti accampati in cortile, come la regina di Itaca, ma la vecchia fiamma Turiddu sotto il balcone le basta. Finirà a coltellate. Meno melodrammatici i carrettieri pugliesi del '700, che a furia di scarrozzare di qua e di là hanno capito che l'amore è 'na rutella e può finire da un momento all'altro, senza grandi impennate teatrali, ma scivolando in quelle beghe minimali che troverebbero più spazio in un dramma psicologico del '900 o nella vasta letteratura clinica sulle psicopatologie della vita quotidiana. In rete purtroppo se ne trovano solo versioni scadenti, con l’eccezione del grande Uccio Bandello, che ne fa un poema minimal-matrimoniale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!