‘Mai più discariche abusive’. Gallipoli apre l’ecocentro

Gallipoli. L’inaugurazione della struttura è prevista per il 14 aprile. Il conferimento dei rifiuti è a titolo gratuito

GALLIPOLI – Prevenire la formazione di discariche abusive a cielo aperto. E’ l’obiettivo che il Comune di Gallipoli punta a raggiungere con l’apertura dell’ecocentro. L’inaugurazione è prevista per domenica 14 aprile. Da quel momento sarà possibile conferire, gratuitamente, presso la struttura, vari oggetti vecchi, esausti o in disuso, materiale ingombrante. “L’apertura dell’ecocentro – ha spiegato il sindaco Francesco Errico – ha rappresentato un atto su cui questa maggioranza si è impegnata sin dal suo insediamento, convinta dell’alta valenza che tale struttura può avere, soprattutto a livello di educazione e salvaguardia ambientale. Una volta risolte problematiche tecniche e logistiche, di cui in passato si è parlato a più riprese, si è potuto garantire questo servizio in favore della cittadinanza, su cui crediamo molto”. Sulla base delle norme inserite nel Regolamento comunale che disciplina le attività dell’ecocentro, possono accedere alla struttura esclusivamente per il conferimento dei rifiuti prodotti nel territorio comunale i residenti, incluse le utenze non domestiche (attività agricole, artigianali, industriali, commerciali e direzionali) iscritte a ruolo della Tarsu al Comune di Gallipoli. Per il 14 aprile, inoltre, in concomitanza con l’apertura dell’ecocentro, l’associazione “Città Nuova” ha organizzato nel Peep 3 la manifestazione “Recicliadi: rifiuti, emergenza o risorsa?”, dedicata proprio all’educazione ambientale, con particolare riguardo all’importanza della differenziata. “Si tratta di una bella iniziativa – ha commentato il primo cittadino – e la scelta di far coincidere l’apertura dell’ecocentro con tale evento serve per rafforzare e rimarcare la necessità, che sentiamo nostra, di promuovere politiche ed azioni sul territorio che garantiscano la giusta attenzione alla salvaguardia dell'ambiente. L’ecocentro è un primo, significativo passo lungo questo sentiero”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment