Tassa di soggiorno. Ad Otranto ci pensa un software

Otranto. Ieri la presentazione dell’iniziativa dell’Amministrazione, gratuita per tutti gli operatori

OTRANTO – Un software per venire incontro agli operatori turistici riducendo il più possibile fastidi e carichi di lavoro che possono derivare dalla gestione dell’imposta di soggiorno. E’ il modo trovato dal Comune per alleggerire la gestione della “fastidiosa” tassa per gli operatori del settore. Il software,prodotto da Hyksos snc, è stato presentato ieri presso il centro Don Tonino Bello dove ha avuto luogo un incontro rivolto ai titolari e gestori di strutture ricettive. ”Abbiamo voluto questo incontro, come prassi per la nostra Amministrazione da tempo – ha spiegato il sindaco Luciano Cariddi – per valutare insieme agli operatori le problematiche legate alla stagione turistica ormai alle porte. Il pretesto ci viene fornito dalla necessità di comunicare anche alcune informazioni tecniche relative all’adeguamento apportato al regolamento sull’imposta di soggiorno e all’uso del software utile alle comunicazioni annuali che dovranno fornire le strutture ricettive, che viene messo a disposizione gratuitamente dall’Amministrazione comunale”. Il dispositivo cercherà di conciliare in un’unica operazione contemporaneamente gli obblighi comunicativi non solo verso il Comune, ma anche verso la Questura e la Regione Puglia. Nel corso dell’incontro sono stati inoltre presentati tutte le associazioni di categoria coinvolte e i relativi rappresentanti che prenderanno parte alla Consulta sul Turismo. Presto verrà convocata una riunione di insediamento affinché questo organismo possa iniziare ad operare e a supportare l’azione amministrativa a vantaggio degli operatori privati e del territorio. Ultimo aggiornamento fornito ieri dal primo cittadino, è stato quello relativo al porto turistico: per quanto riguarda quello interno, ha riferito, si attende solo la pronuncia del Consiglio di Stato, che dovrebbe avvenire il 21 maggio prossimo, e che stabilirà la ditta a cui saranno affidati i lavori. Per l’esterno, invece, due giorni fa è stata ricevuta da parte della Società Condotte spa, promuovente l’intervento, una proposta progettuale che, recependo le richieste rappresentate dall’Amministrazione comunale, preveda l’eliminazione totale di tutte le cubature precedentemente inserite riguardanti gli alloggi residenziali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!