A Koreja, le nuove frontiere della crescita

Lecce. Nel pomeriggio di oggi, “L’oro del Salento”: forum su turismo, ambiente, agroalimentare, artigianato, cultura, stile, innovazione e internet

LECCE – I temi sul tavolo dei relatori sono tanti e di grande spessore: il turismo, l’ambiente, l’agroalimentare, l’artigianato, la cultura, lo stile, l’innovazione, internet. E’ ciò che costituisce l’“oro del Salento”, la sua ricchezza autentica. Quell’intreccio da cui ripartire per ridare slancio al territorio. L’occasione per discuterne, il forum “L’Oro del Salento. Le nuove frontiere della crescita”, ospitato dalle ore 16 alle 20.30 di oggi presso i Cantieri Teatrali Koreja ed organizzato da Fondazione Città del Libro, Cantieri Teatrali Koreja e Banca Popolare Pugliese. Il forum sarà condotto da Maria Novella Guarino, presidente della fondazione Città del Libro. Il tradizionale sistema industriale e manifatturiero che ha caratterizzato l’economia salentina negli ultimi 30-40 anni è in affanno o in crisi profonda. Il cosiddetto Tac (tessile, abbigliamento, calzaturiero) è al collasso e una sua eventuale ripresa, in forme e modi diversi rispetto al passato, può essere solo legata alla capacità di immettere innovazione tecnologica e qualità nel prodotto, in modo da renderlo competitivo e inimitabile. Si tratta comunque di un processo che richiede tempo e nuove imprenditorialità. Intanto, l’economia salentina è in sofferenza. Decine di aziende chiudono i battenti, la disoccupazione sale a livelli sempre più allarmanti e per i giovani la prospettiva di trovare un lavoro si allontana ogni giorno di più. Qualcosa va fatto, prima che la desertificazione in atto avanzi in modo irreversibile. Una risposta alla crisi non può che passare attraverso la ricerca di nuove frontiere della crescita che per il Salento vuol dire scoprire e valorizzare le risorse materiali e immateriali di una terra ricca di storia, di bellezze naturali e artistiche, di suggestioni, di cultura e di creatività: un patrimonio che significativamente è stato sintetizzati nello slogan “L’Oro del Salento”, che è anche il titolo del Forum. Con un acronimo che suggerisce l’idea di movimento, “Tacsi”, è stato indicato un obiettivo realizzabile: proprio quell’intreccio tra turismo, ambiente, agroalimentare, artigianato, cultura, stile, innovazione e internet. In particolare, il turismo, più di quanto non sia già, può diventare il tessuto connettivo di molteplici altre attività economiche che possono dare slancio a un Salento obbligato innanzitutto a proteggere l’ambiente e il paesaggio e a puntare sulla cultura nelle sue diverse espressioni (editoria, teatro, musica, cinema, mostre, arte, archeologia) come faro e orizzonte di una crescita sostenibile, saldamente proiettata al futuro. In causa sono chiamate le eccellenze dell’agroalimentare (vino, olio, pasta, etc.); la cucina vocata alla valorizzazione dei frutti della terra e del mare; l’artigianato di qualità e artistico; lo stile, che è anche voglia di lavorare sulla bellezza identitaria e su un’idea di global marketing; l’innovazione come volontà di cogliere e applicare le sfide continue della tecnologia. Ma, anche la comunicazione, tradizionale e internettiana, con la sua forza dirompente e la capacità di abbattere barriere e di intessere dialoghi a distanza. L’obiettivo è la creazione di una rete di imprese, ricca di marchi collettivi, che potrà restituire dinamismo anche ad un comparto in grande sofferenza come il commercio. Il programma del forum: Ore 16 – Prima sessione/ Testimonianze e proposte Introduce Franco Ungaro, direttore dei Cantieri Teatrali Koreja. Coordina il dibattito Adelmo Gaetani, giornalista e autore de “Il mio Salento, la mia Puglia”, con interventi-flash di esperti, operatori culturali, imprenditori, comunicatori, esponenti delle professioni e della società civile. Conclude la prima sessione dei lavori Simona Manca, vicepresidente e assessora alla Cultura della Provincia di Lecce. Ore 19 – Seconda sessione/ Tavola rotonda Intervengono: Antonio Corvino (direttore dell’Osservatorio Banche-Imprese), Luigi Coclite (assessore al Turismo del Comune di Lecce), Antonio Gabellone (presidente della Provincia di Lecce), Loredana Capone (assessora alle Attività Produttive della Regione Puglia), Vito Primiceri (direttore generale della Banca Popolare Pugliese), Mingo De Pasquale (volto storico di “Striscia la Notizia”).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!