Gran galà di boxe alle Cantelmo

Lecce. A salire sul ring, domani, i pugili delle province di Brindisi, Lecce e Taranto

ph: Giovanni Evangelista LECCE – Per la prima volta la boxe approda all’interno delle ex Officine Cantelmo a Lecce. La struttura presente in Viale De Pietro, sarà difatti deputata ad accogliere il Gran Galà di Boxe, in programma domani – con inizo alle ore 19,00 – e organizzato dalla Salento Boxe (Team Laudisa). A salire sul ring – oltre ai pugili della società del tecnico Giacomo Laudisa, anche i rappresentanti leccesi della Helios Boxe e Boxe Lecce, mentre dal sud Salento sarà presente la Alex Boxe di Specchia; gli organizzatori hanno anche coinvolto per la serata di sabato prossimo i pugili della provincia di Brindisi (Pugilistica Francavillese) e Taranto (Vivere Solidale con lo Sport, Pugilistica San Giorgio). Il pugilato quindi entra all’interno di una struttura oramai divenuta un contenitore di promozione e scambio culturale nel Salento. “È tutto pronto per realizzare questo sogno tenuto chiuso nel cassetto da un po’ di tempo – spiega Franco Laudisa, diesse della Salento Boxe –. Grazie alla sensibilità dei responsabili delle Officine Cantelmo, riusciremo per la prima volta a far entrare la boxe in una struttura che è solita ospitare eventi culturali. Sarà quindi una serata dalle grandi emozioni: riuscendo così ad abbinare la boxe ad un contesto decisamente singolare. Per quanto concerne all’aspetto prettamente sportivo – conclude Laudisa – a salire sul ring saranno diversi pugili dilettanti, i quali giungeranno nel capoluogo salentino anche da fuori provincia. Ovviamente attendiamo a Lecce, il pubblico delle grandi occasioni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!