Amianto, 2 milioni per incentivare la bonifica

Bari. La Regione Puglia cofinanzia le operazioni di rimozione amianto in 38 Comuni risultati idonei. Pronti altri 2 milioni per un nuovo bando

BARI – 1,9 milioni di euro per incentivare la bonifica dall’amianto in 38 Comuni pugliesi. Così la Regione Puglia risponde all’esigenza di rendere più semplice lo smaltimento dei manufatti in cemento amianto. “E’ questo uno degli obiettivi che ci siamo posti con l'adozione del Piano Amianto – ha spiegato l’assessor regionale all’Ambiente Lorenzo Nicastro -: combattere lo smaltimento illecito è il primo irrinunciabile passo per arginare il problema da un lato e per aumentare la consapevolezza e la cultura della legalità rispetto al tema dall'altro”. In questa direzione Via Capruzzi aveva indirizzato, lo scorso ottobre, una parte dei fondi rinvenienti dall'Ecotassa. Tuttavia gli 870mila euro dell’Ecotassa si sono rivelati insufficienti a soddisfare le richieste dei Comuni e la Regione ha pubblicato un bando per distribuire ulteriori risorse. Al bando hanno risposto 47 Comuni di cui 38 con domande che sono risultati in linea con gli obiettivi regionali e che dunque sono state soddisfatte. I fondi erogati ai Comuni (per un massimo 60mila euro per ciascun Comune), uniti a risorse degli enti locali, serviranno a rimuovere manufatti, anche piccoli, dalle proprietà private disincentivando le rimozioni abusive. “Sulla scorta del successo di questa iniziativa – ha aggiunto Nicastro – abbiamo individuato ulteriori 2 milioni di euro, all'interno del Programma regionale per la tutela dell'Ambiente, per permettere anche ad altri Comuni di attingere ampliando sempre più lo spettro di azione e cercando un sempre più ampio coinvolgimento degli enti locali e dei privati cittadini. E' uno strumento concreto di diffusione di una cultura della legalità e di corretta gestione delle problematiche in un rapporto di collaborazione tra istituzioni, regionale e locali, e cittadini”. Ecco i Comuni che hanno ottenuto il finanziamento ed il relativo importo

Articoli correlati: Combattere l'amianto. La Regione ha un Piano Amianto. Lecce seconda in Puglia per concentrazione Di amianto si muore

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!