Pd alla Camera. I non eletti pugliesi fanno ricorso

Secondo Massa, Vico, Lavarra e Campanelli, il premio di maggioranza per l’assegnazione dei seggi a Montecitorio sarebbe stato calcolato su base regionale e non nazionale

Un “caso”nel “caso”. Accade in Puglia, ancora una volta. Dove qualcuno sostiene ci siano stati degli errori nel conteggio dei seggi per la Camera spettanti al Pd. Si tratta dei primi dei non eletti, che in lista occupavano una posizione al limite dell’eleggibilità. Secondo Federico Massa, Ludovico Vico, Enzo Lavarra e Adalisa Campanelli, i candidati del Partito democratico che hanno presentato ricorso agli Uffici elettorali centrali nazionale e circoscrizionale, l’attribuzione del premio di maggioranza per la Camera, in Puglia, sarebbe stata calcolata su base regionale e non su base nazionale, come previsto dalla legge elettorale. Quindi al centrosinistra sarebbero stati assegnati erroneamente solo 21 seggi sui 42 di circoscrizione e non 23. Ma i quattro rilevano anche che all’interno della coalizione di centrosinistra ci sarebbe stato un errore nella ripartizione dei seggi alle singole liste (15 al Pd, 5 a Sel ed 1 a Cd) in quanto, anche in questo caso, sarebbe stato applicato il calcolo su base regionale e non nazionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!