Stop alle code, arriva il timbro digitale

Lecce. Dal 25 febbraio sarà possibile richiedere in rete certificati anagrafici e di stato civile

LECCE – Basta con le perdite di tempo. Dal 25 febbraio non sarà più necessario recarsi agli sportelli per richiedere certificati anagrafici e di stato civile. Le certificazioni, infatti, si potranno ottenere online con un semplice click del mouse, dal pc di casa o da qualunque altra postazione con l'unica prerogativa di avere un computer connesso ad internet. Si tratta dell'ultima innovazione tecnologica messa a disposizione dal Comune di Lecce per consentire al cittadino residente, o iscritto all'Aire, l’anagrafe degli italiani residenti all’estero, di richiedere e stampare certificati, per sé e per i componenti della propria famiglia, in ogni momento e in qualsiasi luogo, garantendo ed equiparando l'autenticità del documento con quello timbrato dagli uffici allo sportello. Le certificazioni ottenute online con il timbro digitale, infatti, sono l'unica soluzione tecnologica che permette di prorogare la validità giuridica di un documento informatico firmato digitalmente, conservandone le caratteristiche di autenticità, integrità e non ripudio, anche quando tale documento viene stampato su supporto cartaceo. In questo modo i certificati con timbro digitale stampati dal pc di casa avranno piena validità giuridica, proprio come quelli ritirati allo sportello del Comune. Per accedere al servizio è sufficiente accreditarsi attraverso il portale del Comune di Lecce secondo quanto indicato nella pagina di accesso ai servizi online: www.comune.lecce.it/filodiretto/servizionline. Per ulteriori informazioni e per conoscere i certificati con timbro digitale che si possono richiedere online è sufficiente visitare la pagina dedicata al servizio “Certificazioni on line con timbro digitale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!