L’impero virtuale

SPECIALE PAGLIARO Story// Le inchieste incriminate e assolte, le 20 (suppergiù) querele e diffide. Il dovere d’informazione e il diritto di sapere. Gli scheletri nell’armadio e le ombre di un uomo politico che è anche un editore

Il Tacco d’Italia n.21

Pubblichiamo la prima parte dell’inchiesta su Paolo Pagliaro, uscita sul numero 21 del Tacco d’Italia. Domani vi proporremo, la seconda parte (numero 22) e successivamente le altre, che intanto potete rileggere in versione sfogliabile, in fondo alla pagina

Pagliaro: l’impero virtuale. Il gruppo Mixer Media Management, i suoi paraventi e i suoi problemi

Un impero di facciata. Cioè maestoso nella sua struttura, ridondante nell’autoreferenzialità, ma fragile nelle sue fondamenta cartacee. Fragile, perché virtuale, perché parte di ciò che è dichiarato essere vero, vero non è. E quello che sembra a posto contiene elementi di dubbio. Proponiamo subito il sommario di quest’inchiesta che, probabilmente, non riusciremo ad esaurire in una sola puntata, avvertendo che quanto abbiamo scritto siamo in grado di documentarlo: i direttori dei telegiornali di Paolo Pagliaro non sono responsabili davanti alla legge ma soltanto, nella migliore delle ipotesi, coordinatori e organizzatori del lavoro giornalistico; una delle due testate televisive (leggi Tg) addirittura non esiste in base alle norme; la proprietà effettiva di una televisione è messa in discussione in un processo in corso che si annuncia molto complicato per l’attuale editore; la cooperativa dei giornalisti e di quasi tutti i dipendenti è controllata dall’editore-cliente tramite le nomine dei suoi vertici, la pattuizione e l’erogazione dei compensi individuali; i locali di una rete tv e di tutte le radio del gruppo non rispettano le basilari norme sulla sicurezza del lavoro, sono subissate da carte bollate e sono l’obiettivo di prossime ispezioni da parte della Asl e dei Vigili del Fuoco, perché in odore di “inagibilità”; le società che costituiscono il “Gruppo Mixer Media Management” – che comunque non risulta da una “visura Cerved” – sono riconducibili tutte ad un unico soggetto: Paolo Pagliaro. Proprietario, editore e, tramite l’amico e sodale Max Persano, controllore diretto di tutte le testate, televisive e radiofoniche, persino una di “agenzia giornalistica”, la “Comunication” (con una sola “m”).

 

Il Gruppo

Paolo Pagliaro è un imprenditore che deve parte del successo alla sua fantasiosità. Molte delle intuizioni di marketing sono diventate dei veri e propri brand; alcuni sono innocui, come il roboante “Gruppo Mixer Media Management”, e la concessionaria di pubblicità “K.&C.”. Sono entrambe sigle, tecnicamente si chiamano “insegne”, che è facile trovare su carte e buste intestate, modulari di contratti, perfino negli spot autopromozionali. Altri sembrano meno innocui. Queste le società che la cosiddetta “visura Cerved” (accessibile via Internet molto facilmente) attribuisce a Paolo Pagliaro in quanto amministratore unico, socio unico o presidente del Consiglio di amministrazione:

  • Telerama (srl con socio unico, capitale sociale 998mila euro, ricavi per un milione e mezzo di euro, una perdita d’esercizio di quasi 100mila euro al 31/12/03. In quel 2003 nessun dipendente dichiarato, nel 2001 ne risultavano 4. Un indice di liquidità del 106,5%);
  • Radiosalento (srl, amministratore unico);
  • Radiorama (srl, amministratore unico);
  • Broker p.r. (srl, amministratore unico);
  • Techno (srl socio unico);
  • Comunicazione & servizi (srl socio unico);
  • Consorzio circuito Top Tv Puglia (presidente del consiglio di amministrazione);
  • Sestante (srl, amministratore unico);
  • Editoriale Il Corsivo spa (Presidente del consiglio di amministrazione. Dichiarata fallita).

Telerama ha un capitale sociale di quasi un milione di euro. Nell’ultimo esercizio ha perso oltre 97mila euro

 

I direttori irresponsabili

L’emittente Rts fa informazione giornaliera tramite tg ogni ora e il programma “Talk Sciò” è condotto con grande successo dal direttore Giuseppe Vernaleone. Entrambi, emittente e direttore, andrebbero catalogati nelle categorie dei Sedicenti o dei Virtuali, perché né Rts né questo collega sono registrati presso il Tribunale di Lecce. Almeno fino alla tarda mattinata del 17 novembre 2005. Rts nasce sulle spoglie di Telesalento, il cui direttore era (ed è, dal 2003) quel Massimo (Max) Persano, amico di sempre di Pagliaro, l’unico della vecchia guardia di professionisti e collaboratori (insieme a Titti Carratu e a pochissimi altri, due o tre che incontreremo più avanti con incarichi “sociali” di una certa rilevanza). A sua volta Telesalento è rinominata così dopo essere stata acquistata con il nome Tv 10. Come e da chi? Più avanti i divertenti dettagli, anch’essi “incartati” in un processo civile in corso di celebrazione. Qui proseguiamo con l’elenco dei Sedicenti o Virtuali perché dobbiamo tirar dentro anche una collega che stimiamo, Gabriella Della Monaca che non è, purtroppo per lei e per i telespettatori che ogni sera ne hanno letto il nome con questa qualifica sul “gobbo” di chiusura di ogni edizione (nella nuova impaginazione è stranamente scomparso), il direttore responsabile di TeleRama, la maggiore testata televisiva locale del Salento, ma al più, il facente funzioni. Ed anche in questo caso, fatta la verifica di rito, abbiamo scoperto che: per il Tribunale, “direttore responsabile” è Max Persano. Da ben 12 anni. Scopriamo che neanche il compianto Domenico Faivre, benché potesse insegnare giornalismo, ha mai avuto questa qualifica.

Il vero direttore responsabile di Telerama non è Gabriella Della Monaca, ma Max Persano. Da 12 anni

Quindi, concludendo, è Paolo Pagliaro per interposte persone ad avere il controllo delle sue due emittenti, pur poggiandosi su due figure “tecnico-professionali”, una giuridica del suo amico più caro Persano che firma entrambe le Testate, l’altra bicefala: i due giornalisti che dirigono quel che al padrone non interessa dirigere. Le controlla anche visivamente, le sue emittenti, l’attento padrone: di fronte alla sua scrivania ha un pannello di otto o dieci monitor sintonizzati sulle sue e sulle tv concorrenti e nazionali.

Per far capire meglio, lettori e avvocati: se qualcuno querela per diffamazione TeleRama, a risponderne è, in solido con l’azienda, Massimo Persano, non Gabriella Della Monaca; se la querela arriva a Rts non ne risponde nessuno, a meno che il diffamato non si dia da fare a ricostruire, a ritroso, tutto il percorso che Pagliaro ha fatto compiere alla vecchia Tv 10, poi Telesalento, infine Rts. Tanto meno, in tal caso, ne risponderebbe lo zelante Vernaleone che è davvero il più virtuale del mazzo.

Per completezza d’informazione, abbiamo sentito il dovere di documentarci anche in questo caso. Da due presidenti regionali dell’Ordine dei Giornalisti ci è stato risposto che l’editore non può nel modo più assoluto trasmettere un tg non registrato, quindi clandestino a tutti gli effetti. Rischia la sospensione o addirittura la revoca della concessione e una serie di sanzioni pecuniarie che, presumibilmente, terranno anche conto delle movimentazioni economiche legate a questa tv, che si vede benissimo, ha successo eppure non è improprio definire “virtuale”; come “virtuale” è il direttore responsabile, il quale, a parte la brutta figura, rischia molto meno: un procedimento disciplinare se il caso viene sollevato anche davanti all’Ordine professionale, lievi sanzioni pecuniarie se viene individuato come soggetto agente in concorso con l’editore. Se veramente l’editore pubblica la dicitura “direttore responsabile” e questo fosse certamente dimostrabile, potrebbe andare incontro anche all’accusa di falso in atto pubblico e alla violazione delle norme relative alla registrazione dei giornali e alla dichiarazione dei mutamenti, previste dagli art. 5 e 6 della legge sulla stampa (n. 47 del 1948). Vale per Gabriella (finché è stata qualificata così), non per Vernaleone. Il giornalista ripetiamo non va incontro ad alcuna sanzione, del falso potrebbe essere chiamato a rispondere disciplinarmente davanti all’Ordine o potrebbe rispondere di concorso nel momento in cui si accerti che il collega era d’accordo con l’editore. Tutto molto tecnico, vero? Forse addirittura fastidioso, ma se si vuole informazione non truccata occorre stare nelle regole, di forma e di sostanza: e qui c’è molto cattivo odore di illegalità. Saremmo curiosi di sapere come reagirebbe Pagliaro se un suo concorrente fosse giuridicamente così male attrezzato, come è la sua RTS. Cioè: noi lo sappiamo bene (sappiamo di un tentativo posto in essere ad altissimo livello per far cessare l’attività di un competitore salentino), ma lo lasciamo immaginare ai lettori. E a proposito di regole, ecco un’altra perla.

 

La Cooperativa C.C.C.

Per i giornalisti, così come per quasi tutti i dipendenti di Pagliaro, il rapporto di lavoro è gestito da una Cooperativa, la seconda nella storia del “virtuale” Gruppo Mixer Media Management, perché la prima fu dichiarata fallita in seguito a vicende di cui sappiamo molto ma che, per ragioni di spazio, anche in questo caso non approfondiamo, perché lontane nel tempo (ché, se dovessimo andare indietro, troveremmo, ben più importante, lo scandalo delle false fatturazioni di Telerama, per cui andò in galera una mezza dozzina di personaggi eccellenti).

Le Cooperative giornalistiche sono spesso un’escamotage, sono attaccabili solo da qualcuno dotato di autorità ispettiva (come l’Inps, l’Inpgi, l’Ispettorato del Lavoro, eccetera) o dai lavoratori, ciò non di meno moralmente riprovevole; serve a sottopagare il lavoro, non avere doveri contrattuali rispetto ad orari e carichi, non riconoscere i diritti sindacali, non garantire pienamente e puntualmente le contribuzioni previdenziali.

I ragazzi della C.C.C., nessun professionista e non tutti pubblicisti, che vivono l’effimera soddisfazione della notorietà televisiva (la formidabile leva che Pagliaro sa brandire con grande e riconosciuta sagacia, anche all’esterno), producono la materia prima della fortuna imprenditoriale del capo, ben sapendo, costoro, che hanno un futuro personale e previdenziale solo se se ne vanno da lì. Molti l’hanno fatto, molti vorrebbero farlo ma non possono perché non c’è mercato, e debbono accettare tutto.

Siamo rimasti colpiti dalla posizione assunta dalla collega Della Monaca (che si firmava in calce “direttore responsabile”) in occasione dello sciopero generale dei giornalisti: la redazione di TeleRama aderiva non perché la categoria è sfruttata dagli editori, come in tutta Italia, con lavoro precario, sommerso e senza garanzie, ma perché c’è il rischio che la Finanziaria tolga un po’ di finanziamenti delle emittenti private! La Cooperativa funziona così: ciascun dipendente-collaboratore (cioè i giornalisti delle varie testate, i tecnici, i registi, tutto il personale che ruota attorno al Gruppo) stipula con essa un contratto per la prestazione di servizi. La C.C.C. a sua volta, per il tramite dei suoi vertici, stringe accordi con l’editore per l’erogazione di quei servizi (non solo giornalistici ma anche tecnici, amministrativi, ecc.).

Tra i vertici, con la carica di vicepresidente del CdA, il solito Max Persano il quale aveva a suo carico, nel 2004, pignoramenti esattoriali e ipoteche legali per più di 800mila euro (non sappiamo se collegabili alla Cooperativa o ad altre aziende) che nel 2005 spariscono. Evidentemente pagati. Persano sta al timone effettivo del polmone lavorativo del Gruppo, decide praticamente tutto insieme a Pagliaro. E’ direttore responsabile di ben cinque testate giornalistiche: Telerama, Telesalento (ovvero Rts), Comunication-agenzia d’informazione quotidiana, Caribe news, Jet Radio (tanto risulta al Tribunale al 17 novembre). Uno stress pazzesco.

 

TeleRama

E’ l’ammiraglia che va a gonfie vele, è il punto di riferimento assoluto e riconosciuto dell’informazione locale, blandita e temuta dal potere politico, arma letale (“Telearma”, è rinominata dagli addetti ai lavori: ne sanno qualcosa in questo periodo importanti amministratori del Comune di Lecce) se qualcuno si mette di traverso, possente macchina di consenso e amplificatore di ogni iniziativa se qualcun altro va d’accordo con Pagliaro (dalla Provincia invece non ci sono giunte lamentazioni).

La società è per il 100% di Pagliaro, il suo capitale sociale depositato sfiora il milione di euro. Drena migliaia di ore di pubblicità ogni anno, tabellare e di favore, palese e indiretta perfino negli spazi dell’informazione. Insomma è una potenza totale, perfetta e bellissima. Eppure è in perdita

Non tanto, ma quanto basta per tenere in vita gli altri parametri. Guardiamo dentro alle cifre ufficiali, sia pure parzialmente per non annoiare il lettore, ed anche perché parte delle risorse vengono permutate in beni e servizi, secondo la formula del “cambio merce”, una tecnica triangolare di fatturazioni che Pagliaro utilizza appena può per pagare con pubblicità e non con denaro sonante fornitori, consulenti, prestatori d’opera, negozi, concessionarie d’auto eccetera. Dal conto economico, ultimo per noi disponibile, risulta che al 31/12/2003 la perdita di esercizio è stata di 97.807 euro; il suo Roe, return on equity, cioè il rapporto fra utile d’esercizio e patrimonio netto, cioè la redditività dell’azienda in relazione all’investimento è di -8,2 %, mentre l’indice di liquidità, il coefficiente che mette in relazione l’attivo e le rimanenze con il passivo, è 106, 5 %. Piccola perdita, né infamia né lode sugli altri fronti. Uno dei collaboratori di rango defenestrati da Pagliaro in questi ultimi anni, ci ha detto che nel solo 2004, al lordo dei costi di gestione, il Gruppo Pagliaro ha prodotto pubblicità e servizi per oltre sei milioni. Detratti i costi, quasi tutti conglobati in favore della cooperativa C.C.C. (bollette, oneri vari e affitti a parte), come abbiamo visto, l’emittente-corazzata non riesce a fare attivo.

 

RTS

Si vede ma non c’è. Come già detto, per il Tribunale di Lecce-Registro della stampa, questa testata giornalistica che va in onda quotidianamente con programmi di informazione e pubblicità non esiste. Il presidente dell’Ordine di Lombardia, il mitico Ciccio Abruzzo, la definisce “clandestina” (rammentiamo che la legge istitutiva dell’Ordine dei giornalisti italiani è legge dello Stato). Esiste però “Studio 10 News TS Telegiornale Salento” (di fatto si tratta di TeleSalento, ex Tv 10); direttore responsabile del telegiornale è dal 2003 Max Persano, proprietario è “Il Circolo srl”, oggi “Comunicazione & Servizi srl” di cui è amministratore Massimo Pezzuto, un collaboratore factotum di Pagliaro. Rts trasmette sulle frequenze dell’ex Tv10, che la “Punto casa servizi immobiliari” di Lecce ha acquistato da Antonio Fasano e Carmine Mosticchio per una cifra pattuita di un miliardo e 400 milioni di lire. La “Punto casa” ha ceduto tutte le quote de “Il Circolo” alla Broker srl di Pagliaro che, tramite Maria Antonietta Carratu (la fida Titti) e Massimo Pezzuto, diventa il vero proprietario e amministratore unico.

RTS trasmette, fa informazione e profitti, ma per la legge non esiste. Direttore responsabile? Persano

Da notare che queste due persone sono qualificate “prestanome” in un atto depositato. E’ tuttora in corso presso il Tribunale civile di Lecce un processo per la riappropriazione di tutte le quote de “Il Circolo”, e dunque di Telesalento, da parte della “Punto casa”: motivo? Il più scolastico: Pagliaro non ha pagato con la puntualità prevista le rate. Ma, nel frattempo, il nostro, sempre secondo documenti in nostro possesso, ha venduto una preziosissima frequenza su Otranto (un’area molto appetita per le difficoltà di irradiazione che presenta), che era nella disponibilità della società che possedeva Tv10. Insomma un guazzabuglio cui il Tribunale metterà ordine ripristinando diritti e doveri.

 

La 488

Pagliaro fa lavorare anche i penalisti, non solo i civilisti, i fiscalisti e gli amministrativisti. Tutti di gran nome. E’ imputato di concorso in truffa aggravata ai danni dello Stato, in seguito ad indagini di p.g. condotte dal pm Imerio Tramis dopo l’arresto di Gianfranco Napolitano, il noto consulente aziendale accusato di essere al crocevia di una serie di truffe milionarie (all’epoca erano miliardarie) messe in atto grazie alla Legge 488 che erogava finanziamenti alle imprese; l’inchiesta, partita all’inizio dell’estate 2004, ha già portato all’arresto di una decina di persone, tra imprenditori, dipendenti e funzionari di varie zone d’Italia, naturalmente oltre alla cattura di Napolitano che ha fatto due periodi di detenzione a San Nicola: dopo il primo, durato meno di dieci giorni, ha scritto un libretto leggero ed autoironico, dopo il secondo ha dettato pagine e pagine di verbale alla Procura, avendo deciso di collaborare quando ha capito, definitivamente, che il cosiddetto impianto accusatorio di Tramis era inattaccabile. Per capire meglio il contesto, è bene soffermarsi in breve su quest’inchiesta, la mamma di tutte le truffe recenti, una vicenda che non sta certamente aiutando l’immagine del Salento. Per venire a capo della montagna di informazioni contenute nella preziosa memoria del personal computer dell’avvocato Napolitano (il consulente non è dottore commercialista), la Procura ha ingaggiato un perito, tra i più stimati e preparati in circolazione, il quale è stato praticamente precettato, insieme ad una squadra di p.g. della Guardia di Finanza, fino al 2011, tale essendo la data-limite stimata entro la quale il lavoro dovrebbe essere completato. Non si tratta, infatti, soltanto di verificare l’elenco delle pratiche 488 istruite dallo Studio Napolitano, ma di accertare quali di esse contengano “fumus” di irregolarità, poi entrare in ciascuna di esse, disporre perizie sulle attrezzature, verificare ed incrociare le fatture fra acquirenti e fornitori, gli anni di produzione eccetera. Ecco come l’obiettivo prescrizione, come vedremo fra poco, non è più un miraggio per gli imputati.

Lo schema della linea difensiva di Pagliaro (Studio Corleto), per come l’ha ricostruita il Tacco d’Italia, sembra semplice quanto concreta. Abbandonata ogni ipotesi di “resistenza” si è percorsa quella più ragionevole dell’ammissione delle responsabilità contestate e della collaborazione con il giudice dell’accusa, il cui primo passaggio, “dolorosissimo” per l’editore Pagliaro (il cui attaccamento al denaro è proverbiale), non poteva essere che restituire il malloppo nell’esatta misura in cui è stato incassato: la conversione in euro di 2.050.000.000 di lire.

Può essere il primo passo verso il patteggiamento ma non è detto, quel che è certo, rifondere lo Stato serve ad alleggerire la propria posizione ed evitare il rischio delle manette. Per la verità l’accordo bonario doveva essere perfezionato in tempi solleciti, come è accaduto per altri, ma, tardando l’oblazione pattuita, il pm si è visto costretto alla prova di forza ordinando l’apposizione dei sigilli su macchinari ed attrezzature di TeleRama e RadioRama, lasciandone all’editore l’uso, fino a quando il Pagliaro non ha, appunto, risarcito lo Stato (del maldestro quanto grave tentativo di soffocare questa grossa notizia, per altri casi trattata con il dovuto risalto dai mezzi di Pagliaro, il Tacco ha dato conto il mese scorso nel commento di Adolfo Maffei).

 

Truffa in ambito 488. Per evitare il carcere Pagliaro ha restituito i soldi del finanziamento: un milione di euro

Primo passaggio si diceva. Gli altri saranno calibrati per raggiungere l’obiettivo dell’agognata prescrizione e ritmati dal calendario e dal carico di lavoro del dottor Tramis il quale ha la completa potestà, per “motivi di giustizia” che sono nella sua esclusiva competenza, di decidere se dare impulso maggiore alle indagini in cui non vi è la collaborazione degli indagati. Per dirla con un’immagine giornalistica, pensiamo che i fascicoli delle truffe per la 488 compongano una pila: più in basso sarà, meno propulsione riceverà e più tempo sarà disponibile all’imputato per raggiungere la prescrizione prevista dall’art.157 del codice penale. Se lo scenario è verosimile, a conti fatti, l’editore di Telerama non corre eccessivi rischi di vedersi alla sbarra di un dibattimento imbarazzante accanto all’ex amico Gianfranco Napolitano. Per una questione di tempi tecnici: se lo aiuta il carico di lavoro del dottor Tramis (la collocazione nella famosa “pila”) se si va al processo, se l’editore viene condannato in primo grado, in Appello ed infine in Cassazione, tutta questa storia sarà vicina al limite della prescrizione. A meno che il diavolo non rimetta la coda dove non dovrebbe e si materializzi sotto forma di qualcuna delle altre grane che l’editore ha qua e là. Come il decreto ingiuntivo che gli ha spedito a mezzo ufficiale giudiziario una società riferibile a Gianfranco Napolitano per un compenso di 30mila euro di parcella per la pratica 488 dello scandalo, mai pagata (Pagliaro, ovviamente, ha opposto il decreto stesso). // Locazioni Un’altra di queste grane, finora solo civilistica, è legata al complesso rapporto di Pagliaro con l’avvocato Fabio Chiarelli, già consulente del nostro, nonché proprietario degli immobili di via Marugi, sede storica delle aziende dell’editore. Lì è rimasta TeleRama dalla nascita al recente trasferimento alla zona industriale, lì si trovano ancora tutte le radio e gli studi di RTS. Lunghi anni di locazione non sempre facile (primo contratto intestato alla prima moglie di Pagliaro, per la Publipi, la concessionaria di allora: 1/12/1989, 300mila lire mensili), rapporti che s’incrinano sino ad interrompersi in maniera brusca contemporaneamente alla fragorosa rottura di Pagliaro con un altro dei suoi storici collaboratori e soci (diretti o indiretti): Antonio Bruno, amministratore unico della sas “J&B”, il ramo del gruppo che si occupa di eventi, sfilate di moda e spettacoli. Dall’oggi al domani alla sua scrivania gli fa trovare Ezio Candido; in pratica lo mette in mezzo ad una strada. Bruno non se ne starà con le mani in mano, naturalmente. E’ un professionista affermato, il suo valore è riconosciuto ed è già al lavoro. Inoltre si sta tutelando a dovere.

Questa vicenda sembra la fotocopia di tantissimi altri rapporti personali e professionali interrotti, alcuni brutalmente, da Pagliaro. Basti citare i più importanti: Pompilio Guerrieri, Renato Gorgoni, Adolfo Maffei, Pino Fasanelli, Giovanni Rizzo, Giuseppe Dell’Anna, Ennio De Leo, Sileno Bray e, l’ultimissimo in ordine di tempo, il direttore generale Ezio Candido. Ma nella vicenda dei contratti d’affitto, apparentemente banale, c’è un piccolo baco che non è insignificante come sembra: è il contratto d’affitto della sede della società di cui Antonio Bruno è amministratore, al primo piano di via Marugi, dove si trovano anche l’ufficio del presidente Pagliaro, la sede della concessionaria di pubblicità (che nel frattempo ha cambiato nome e si chiama Broker p.r., amministratore unico Pagliaro), lo studiolo del direttore generale e altri ufficietti e stanzini vari, alcuni dei quali ricavati da lavori di copertura di terrazzi e terrazzini effettuati abusivamente da Pagliaro e, solo in parte, condonati da Chiarelli.

 

I locali di via Marugi che ospitano la redazione e gli studi di RTS, nonché le radio del Gruppo, sono fuori legge

Che cosa è accaduto? Che Bruno, allontanato in malomodo e senza preavviso, ovviamente non paga più l’affitto dei locali e Chiarelli sfratta l’inquilino moroso, cioè il legale rappresentante della sas “J&B”, con sede legale in via Marugi 32. Il proprietario non esegue materialmente lo sfratto perché si trova di fronte ad una difficoltà oggettiva: il possessore del suo immobile (una società di Pagliaro) è diverso dal conduttore (Antonio Bruno). Infatti, alcuni mesi dopo, il 18 giugno 2003, si presenta un ufficiale giudiziario che pretende la restituzione dei locali per conto dell’avvocato Chiarelli, e vi trova Maria Antonietta Carratu (la Titti, 46 anni, segretaria particolare e custode di quasi tutti i segreti del capo) la quale afferma che il possessore dell’immobile è la concessionaria di pubblicità del gruppo radiotelevisivo, la Broker p.r., che possiede anche gli impianti di condizionamento, di illuminazione, i computer eccetera. Il relativo verbale di sfratto contiene anche la rilevazione di “un vano cucina abusivo”; l’ufficiale giudiziario prende nota, effettua un sopralluogo stanza per stanza per verificarne le buone condizioni generali e se ne va. Quindici giorni dopo lo stesso funzionario si ripresenta e trova l’immobile svuotato di tutto e quasi completamente devastato al suo interno: annota e fotografa buchi nel pavimento, nei muri, serrature divelte e stima i danni in circa 20mila euro che entrano nella denuncia penale dettagliata che l’avvocato Chiarelli, presente ad entrambi i sopralluoghi, sporge contro Paolo Pagliaro pochissimi giorni dopo, chiedendo l’imputazione dell’editore per appropriazione indebita e danneggiamenti. Collateralmente la polizia giudiziaria compie una perquisizione nella villa dell’editore, a due passi dagli uffici nel Complesso Marugi, e vi trova un paio di serrature che non dovevano stare là.

Nell’ottobre 2003 il Tribunale civile dispone un accertamento tecnico preventivo sulle condizioni dell’immobile che conferma la stima di circa 20 mila euro di danni. E la pratica va. Due anni dopo, ecco un’accelerazione inopinata.

Il pomeriggio dell’11 ottobre 2005 una squadra del Nucleo di vigilanza edilizia del Comune di Lecce, sezione di Polizia giudiziaria, bussa alla porta degli studi di RTS, RadioRama e altre radio, al piano interrato di via Marugi e al primo piano dove hanno sede gli uffici della Broker. Allarme generale e panico incontrollato: il grancapo è fuori città, il “direttore” Vernaleone ordina ad un cameraman di riprendere gli ufficiali che si apprestano a fare l’accertamento, accompagnati da un tenente della Polizia municipale, contro la loro volontà, si convoca il (nuovo) legale di fiducia avvocato Fabio Valenti, noto volto televisivo, il quale non può far altro che assistere al sopralluogo per conto del suo cliente e verbalizzare alcune precisazioni in favore del suo assistito.

La squadra della Vigilanza rileva alcune irregolarità: chiusura di balconi non condonati, costruzione di un vano di quasi 25 metri quadrati abusivo, altezza dei locali dei seminterrati di soli due metri e mezzo, unificazione degli studi televisivi con box e sottonegozi in difformità delle licenze edilizie originarie, modificazioni con strutture murarie, opere verticali in cartongesso e vetro. Non è competente questo organismo a sanzionare il mancato rispetto degli standard di sicurezza per le persone che lavorano in quella specie di bunker sotterraneo che, nelle ore di maggior impegno, supera le 12/15 unità, tra giornalisti, tecnici, operatori radiofonici: tutti collegati con l’esterno da una sola via di fuga, passando per un’angusta scala a chiocciola della larghezza di un metro. Ma può segnalarlo a chi di dovere e tre giorni dopo, il 14 ottobre scorso, parte una segnalazione “d’urgenza” alla Asl-Dipartimento di prevenzione e ai Vigili del Fuoco in cui, tra l’altro, si denuncia che le attività degli studi radiotelevisivi si svolgono al piano terra e nel seminterrato senza “le più elementari misure di sicurezza ed in violazione delle più elementari normative sulla salubrità degli ambienti”. Inoltre i locali sono privi di certificato di agibilità per uso studio radiotelevisivo. L’ultima tegola di questa frana è di pochissimi giorni fa. Il 21 novembre il Settore urbanistica del Comune di Lecce invia a Radiorama, a Pagliaro, quindi, all’avvocato Chiarelli, proprietario degli immobili e al Nucleo di vigilanza dello stesso Comune di Lecce, un rapporto dettagliatissimo in cui si evidenzia una lunga serie di motivi per i quali l’ordinanza dell’allora sindaco Corvaglia, che autorizzava la società Radiorama a svolgere attività radiotelevisiva, viene anata d’ufficio. Quella nota sindacale, depositata senza data presso un notaio a suo tempo, “si caratterizza per l’atipicità dei suoi contenuti, il suo carattere sommario, l’assenza di data e di riferimenti a qualsivoglia attività istruttoria, ed in ogni caso, per la sua inidoneità sia formale sia sostanziale, a disciplinare in maniera definitiva i rapporti giuridici sottesi”. Insomma, secondo questa relazione, il buon don Ciccio Corvaglia, firmò una cosa che non doveva firmare. La signorina Carratu dichiarò a verbale che comunque, il 31 gennaio 2006, tutti i locali sarebbero stati lasciati liberi. Nel frattempo le radio vanno e RTS pure.

 

Cuore amico

Come la vendemmia, l’iniziativa solidaristica del gruppo Pagliaro è stagionale: inizia in sordina a fine settembre e si conclude con uno sforzo concentrato ai primi di dicembre. Siamo già alla quinta edizione. Funziona così: c’è un Comitato scientifico che prende in esame le richieste di aiuto di bambini portatori di handicap (concorso nelle spese per interventi, protesi, carrozzine, automobili speciali, eccetera), parallelamente inizia la raccolta di fondi tramite salvadanaio, donazioni e iniziative collaterali organizzate in tutto il Salento e finalizzate allo stesso, nobile scopo. Ogni anno si toccano cifre importanti e i risultati sono veramente encomiabili. Poi ci sono i main sponsor, un gruppetto di aziende che garantisce molte decine di migliaia di euro per far andare la “macchina”. Ma, mentre le cifre delle donazioni per i bambini sono monitorate e, sostanzialmente, controllate da tre “garanti” (che prestano anche la loro faccia per gli spot), quelle per l’organizzazione no. Il Tacco, anche in questo caso, ha cercato di documentarsi; abbiamo chiesto informazioni al Comitato di Cuore amico su incassi, spese, personale utilizzato. Non abbiamo avuto risposta in tempo utile per la stampa di questo numero, nonostante l’abbiamo sollecitata, se arriverà la utilizzeremo per il prossimo.

Cuore amico è un’operazione trasparente, tranne per la voce “costi di gestione”. Gli spot sono gratuiti?

In particolare ci interessa sapere, per quel dovere di trasparenza che Pagliaro non manca mai di sottolineare: a quanto ammonta il contributo totale degli sponsor; se gli spot su radio e tv del gruppo sono gratuiti, come dovrebbe essere, essendo il Gruppo mixer media management la “casa” di Cuore amico, ovvero (Dio non voglia) a pagamento: cioè le aziende di cui Pagliaro è amministratore unico (Telerama e Broker pr) traggono profitto dagli spot di Cuore Amico o quanto percepiscano in più i collaboratori per dirette, non-stop, ecc.; quante sono le persone che vengono aggiunte ai dipendenti soci della cooperativa C.C.C. per prestare la loro opera professionale per Cuore Amico; infine se i garanti sono a conoscenza delle cifre suddette o se il loro apporto di “garanzia” è richiesto solo per i salvadanai e il resto, esplicitamente destinato ai bambini. Insomma, caro Pagliaro, quel Cuore è Amico solo dei bambini con handicap o anche suo? Il Tacco d’Italia n.22

Il Tacco d’Italia n.23

Il Tacco d’Italia n.27

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Marilù Mastrogiovanni

Faccio la giornalista d'inchiesta investigativa e spero di non smettere mai. O di smettere in tempo http://www.marilumastrogiovanni.it/chi-sono-2/

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!