Patto di stabilità, istruzioni per l’uso

Lecce. Al Castromediano una giornata di studio per le 39 amministrazioni salentine sotto i 5mila abitanti alle prese, dal 2013, con il “patto”

LECCE – Una giornata di studio sulle problematiche legate al “Patto di stabilità” e alle innovazioni finanziarie degli ultimi mesi (D. L. 74/2012 e Legge di Stabilità). E’ l’iniziativa organizzata per oggi (inizio ore 9) dalla Provincia di Lecce presso l’auditorium del Museo provinciale “Sigismondo Castromediano”. Dal 2013 il perimetro del “Patto di stabilità” è stato esteso ai Comuni aventi un numero di abitanti maggiore di mille abitanti: nella provincia salentina sono interessate per la prima volta ben 39 amministrazioni comunali. Altri Comuni, quindi si troveranno a fare i conti con problematiche finanziarie sinora ignote ad enti “al primo anno di patto”. Partendo da tale considerazione, e con l’obiettivo di mettere a disposizione dei Comuni le esperienze già maturate dall’Ente di Palazzo dei Celestini, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, che oggi sarà presente ai lavori, ha voluto una giornata di studio indirizzata a sindaci, assessori al bilancio e funzionari comunali delle realtà salentine al di sotto dei 5mila abitanti. I lavori saranno condotti da Pantaleo Inceri, dirigente dei Servizi finanziari della Provincia di Lecce. “Come Provincia abbiamo già attivato una serie di iniziative per venire incontro alle imprese – ha commentato Gabellone – ma la normativa è talmente restrittiva che i margini di efficacia sono molti limitati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment