Violenta la ex moglie. Preso

Copertino. In manette un 43enne leccese, già colpito da un provvedimento di divieto di avvicinamento alla dimora della donna

COPERTINO – Prima ha violentato la ex moglie, poi l'ha coperta di minacce e insulti: è stato arrestato dai carabinieri della Tenenza di Copertino, nel pomeriggio di ieri, A.R. di 43 anni, accusato di aver usato violenza contro una donna, residente nella zona di Lecce, sua congiunta fino a luglio 2012 (il giudice ha sancito poi la separazione). L'uomo, già colpito da provvedimento di divieto di avvicinamento al luogo di dimora della ex moglie, ha tentato più volte di riavvicinarsi alla ex, fino a che la sua rabbia è scoppiata nel pomeriggio di ieri: secondo la ricostruzione realizzata dai carabinieri della tenenza di Copertino, ha convinto e costretto la donna ad avere un rapporto sessuale dopo essersi introdotto nella sua abitazione attraverso un’apertura dello scantinato e brandendo in mano un enorme fallo di plastica. Poi le ha espresso in modo chiaro la sua volontà: “Voglio fare l'amore con te per l'ultima volta”, le ha detto, prima di assalirla e violentarla. La vittima è riuscita a divincolarsi e si è recata presso l’ospedale di Copertino dove si è convinta a chiamare i carabinieri. Dopo aver ricostruito la dinamica dei fatti, i militari dell’Arma hanno fatto scattare le ricerche dell’uomo: immediatamente rintracciato ed arrestato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment