Tutte le declinazioni dell’amore

Ecco un libro nato dalla passione e dal sentimento, il più difficile da descrivere, più che dalla ragione

Nato a Mesagne nel 1989, nonostante la giovanissima età, Christian Dilorenzo è già al suo secondo lavoro. Una passione che nasce da quando era bambino e a sette anni cominciava a scrivere i suoi componimenti poetici dando sfogo a quest’attitudine, la scrittura, che lo accompagnerà in tutto il suo percorso. Quest’ultimo lavoro nasce dall’esigenza di declinare tutte le possibilità dell’amore, quindi è un libro nato dalla passione e dal sentimento più che dalla ragione. Il nostro si fa accompagnare in questo non facile viaggio dall’esperienza di autori celebri che hanno scritto belle e immortali pagine sull’amore, il sentimento più naturale dell’uomo, ma anche il più difficile da descrivere (tant’è che non si smette di scriverne, appunto…). E così nel libro di Christian si legge un pezzo tratto da “L’arte di amare” di Erich Fromm, si apprezzano citazioni di personalità della cultura (Shakespeare), del pop (Jim Morrison) dell’etica politica (Ghandhi), tutti uniti dal fil rouge del sentimento più bello al mondo, ci si commuove ancora nel rileggere “I ragazzi che si amano” di Jacques Prevert, una delle poesie più mandate a memoria della storia della letteratura (e della recente gioventù). Ma non mancano pagine sull’amore per il divino o sulle gioie del matrimonio, o ancora del sentimento che lega un padre o una madre a un figlio. Un collage che ha il merito di farci riflettere su questo sentimento che dà una carica straordinaria. Non manca, opportunamente, l’amore gay e l’amore nella mitologia, come quello, classico e struggente, di Amore e Psiche, nonché una leggenda africana che salda (momentaneamente) tutte le sfaccettature dell’amore. Christian Dilorenzo scrittore ha anche un blog www.dilorenzo.myblog.it che si può visitare. Nel frattempo, leggete il suo libro. Christian Dilorenzo “Tutti i battiti dell’amore” . Euro 15

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment