Ato Lecce/1. Emergenza rientrata

Lecce. I Comuni pagheranno le somme dovute. Termina la protesta degli autotrasportatori di Axa e Idrodinamica

LECCE – Avevano incrociato le braccia dallo scorso 4 dicembre e minacciavano di continuare lo sciopero se il Comune di Lecce non si fosse impegnato a garantire il pagamento delle somme dovute. E’ fortunatamente rientrata prima di causare disagi e disservizi ai cittadini la protesta dei dipendenti delle ditte responsabili del trasporto rifiuti lavorati e trasformati in cdr dall’impianto di bio-stabilizzazione, gestito dalla “Società Ambiente & Sviluppo”, presso l’impianto poco distante gestito dalla “Società Progetto Ambiente”. L’emergenza è rientrata, dopo un incontro con l’assessore alle Politiche Ambientali Andrea Guido. Tutti i Comuni del Consorzio ATO LE/01 (27 comuni della provincia di Lecce), smaltiscono gli rsu indifferenziati nell’impianto di bio-stabilizzazione di Cavallino; la frazione secca derivata viene trasferita invece all’impianto di cdr, sempre a Cavallino. Il servizio di trasporto della frazione secca rsu da un impianto all’altro viene gestito dall’Ati AXA SRL – Idrodinamica Spurgo Velox di Petrelli Mario & C. s.a.s, che ha sottoscritto un contratto d’appalto con il Consorzio ATO. L’astensione dal lavoro da parte dei trasportatori che curano i collegamenti tra un impianto e l’altro ha impedito alle aziende responsabili del servizio di raccolta dei rifiuti nei vari paesi di compiere puntualmente il loro servizio. Una situazione che, per fortuna, non ha causato disagi ed è passata quasi inosservata agli occhi dei cittadini. E che è definitivamente rientrata ieri quando l’assessore Andrea Guido, insieme al dirigente del settore Ambiente, Fernando Bonocuore, ha incontrato il coordinatore delle ditte Idrodinamica Spurgo Velox s.r.l. ed Axa s.r.l. per invitarlo ad interrompere l’astensione poiché il Comune di Lecce stava già provvedendo al pagamento delle somme arretrate. “Proprio in queste ore – ha commentato Guido – l’Amministrazione del capoluogo, in aggiunta ad alcuni dei comuni facenti parte dell’ATO LE1 sta provvedendo al pagamento delle somme dovute. Purtroppo la maggior parte dei comuni dell’ATO LE1 non ha ottemperato agli obblighi derivanti dal contratto e non intende provvedere al pagamento. Avevo inoltrato alla ditta Ambiente e Sviluppo, ai trasportatori delle ditte Axa s.r.l. e Idrodinamica Spurgo Velox s.r.l., al presidente dell’ATO LE1 e al prefetto, una proposta per inibire l’ingresso all’impianto da parte dei Comuni morosi ma tale strada non risulta percorribile poiché si andrebbe verso una interruzione di un pubblico servizio che porterebbe ai relativi danni. Tale situazione, complicata da spiegare, non può e non deve travolgere Comuni come quello di Lecce che si impegnano quotidianamente per trovare le risorse per onorare gli impegni presi ma allo stesso modo tale situazione non può essere un alibi per tutte le amministrazioni morose che sfruttano l’impossibilità di separare i rifiuti per comune di provenienza una volta pervenuti in discarica. Mi meraviglia come alcune Amministrazioni possano essere così superficiali nell’affrontare e gestire problematiche di simile portata. Il Comune di Lecce, anche in questa occasione, assumendo spontaneamente un ruolo di leadership nella conduzione delle trattative volte alla soluzione della questione che di lì a breve si sarebbe potuta trasformare in una vera propria emergenza ambientale, ha dimostrato ancora una volta il proprio senso di responsabilità nei confronti del più vasto ambito provinciale. Mi auguro però che in futuro anche le altre Amministrazioni aderenti l’ATO LE1 possano rendersi più attive, efficienti e responsabili nella gestione di problematiche così importanti per i cittadini e il territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment