Orrore al cimitero: trafugata la salma di Mira Montinaro

Campi Salentina. A fare la terribile scoperta il padre della giovane, l’imprenditore Antonio Montinaro

CAMPI SALENTINA – Ancora non si sa quale possa essere l’intento dei malviventi. Ma il gesto compiuto rimane dei più terribili. Qualcuno, la scorsa notte, ha trafugato la salma di Mira Montinaro, una donna di 27 anni scomparsa per un aneurisma nel 2000 a Milano, dove studiava presso l’Università Bocconi. A scoprire l’accaduto, stamattina, il padre della giovane, l’imprenditore Antonio Montinaro, tra i titolari del consorzio Monticava Group, che come ogni giorno si era recato a pregare sulla tomba della figlia. Montinaro ha avvisato il carabinieri del posto. Al cimitero sono giunti anche la Scientifica ed il magistrato di turno Giovanni Gagliotta. Ma la pioggia delle ultime ore potrebbe aver lavato via i segni lasciati dagli autori del gesto e dunque rendere più complicati le indagini ed i rilievi. Maggiori dettagli nelle prossime ore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment