Ubriachi nel bar. Denunciati

Alezio. Per calmare gli animi di due uomini, di Alezio e Gallipoli, è stato necessario l’intervento dei carabinieri

ALEZIO – Hanno bevuto qualche bicchiere di troppo e poi hanno iniziato ad infastidire gli altri avventori del bar dove stavano trascorrendo la serata. Due uomini, di Alezio e Gallipoli, ieri sono stati denunciati in stato di libertà dai carabinieri. I fatti risalgono allo scorso 18 ottobre, quando, per calmare V.M. 43enne di Alezio e S.F. 27enne di Gallipoli, si rese necessario l’intervento dei Carabinieri della Stazione di Alezio unitamente ai colleghi dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Gallipoli. Nemmeno l’arrivo dei militari servì a riportare i due alla calma: alla vista delle divise infatti iniziarono a dare in escandescenze. Il più giovane, addirittura, totalmente in preda ai fumi dell’alcol, si scagliò violentemente contro la portiera di una autovettura in sosta nelle vicinanze. I militari riuscirono comunque ad immobilizzarli ed a farli calmare. A seguito di successive e complesse indagini di polizia giudiziaria e della fondamentale denuncia del proprietario dell’auto, i due sono stati denunciati su disposizione dell’Autorità Giudiziaria per ubriachezza molesta e danneggiamento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment