Ryanair cancella un volo. Palese vs Vendola e Minervini

Bari. Il capogruppo del Pdl denuncia la “totale inerzia della Regione e di Aeroporti di Puglia” circa la condotta della compagnia low cost

BARI – Con il passaggio dall’orario estivo a quello invernale, la compagnia aerea low cost Ryanair ha cancellato il volo serale Bari-Roma. In concomitanza con questo taglio, Alitalia ha raddoppiato il prezzo del proprio collegamento. Sul fronte ferrovie non va meglio, in quanto Trenitalia non ha ancora ripristinato i treni a lunga percorrenza cancellati mesi fa, non mantenendo fede agli impegni presi con il territorio. Cresce l’isolamento infrastrutturale della Regione Puglia. E dopo il presidente del Consiglio pugliese Onofrio Introna, sull’argomento è ritornato il capogruppo del Pdl Rocco Palese, sollecitando un intervento da parte del presidente della Regione Nichi Vendola e dell’assessore regionale alla Mobilità Guglielmo Minervini. “Il presidente Vendola – dice Palese -, ormai distratto dalla campagna delle Primarie, sta consentendo senza aprire bocca, una vera e propria mattanza sui collegamenti aerei e ferroviari da e per la Puglia. Trenitalia ignora ogni impegno e questo è un fatto gravissimo che investe anche il Governo nazionale che sottoscrive il contratto di servizio, ma su Ryanair la Regione è parte in causa e comincia ad essere seriamente parte lesa insieme a tutti i cittadini. Dal 2009 ad oggi la Regione Puglia ha trasferito a Ryanair ben 29 milioni di euro (che con l’Iva diventano 35) sotto forma di contributo per incentivare il traffico aereo da e per la Puglia. Con l’orario estivo Ryanair garantiva 21 collegamenti da Bari e 13 da Brindisi; con l’orario invernale in vigore dal 20 ottobre scorso fino al prossimo 30 marzo, i collegamenti si riducono a 16 da Bari e 9 da Brindisi. E l’assurdo è che non vengono tagliati solo quei collegamenti tipicamente ‘estivi’ come ad esempio i voli da e per la Grecia, ma anche quelli per Roma”. Il capogruppo del Pdl chiede dunque che Vendola e Minervini riferiscano in Consiglio sui motivi della “totale inerzia del Governo regionale e di Aeroporti di Puglia rispetto ad una compagnia che beneficiando di contributi regionali, dovrebbe essere sottoposta anche al controllo della Regione e al mantenimento di determinati servizi”. “Tutto ciò – conclude – ripropone la questione che solleviamo da tempo: perché questo cospicuo finanziamento viene affidato solo e direttamente a Ryanair senza alcun obbligo per la compagna e non viene, piuttosto suddiviso con procedure di evidenza pubblica tra tutte le compagnie low cost disposte a coprire quelle tratte a prezzi concorrenziali? E perché viene consentito ad Alitalia di ignorare gli aeroporti di Bari e Brindisi da tutte le offerte promozionali sui voli nazionali”?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment