Dog toilet. I volontari chiedono più sensibilità

Lecce. L’appello dell’associazione Oraa ai cittadini per un corretto uso del servizio

LECCE – “Il bene comune non può essere tutelato demandando agli altri”. È con queste parole che Paola Rollo, presidente dell'associazione O.R.A.A. – Obiettivo Recupero Animali e Ambiente, ha lanciato un invito ai cittadini leccesi a collaborare alla buona riuscita del servizio di dog-toilet. Dopo un primo periodo di rodaggio il Comune di Lecce ha affidato all’associazione di volontari iscritta all'Albo delle associazioni di volontariato e all’albo delle associazioni per la protezione degli animali, la gestione e la cura dei cestini per i cani. Una scelta che, oltre a portare un notevole risparmio per le casse comunali, ha fatto sì che il servizio fosse gestito con la cura e l'impegno che appartiene ai volontari. “Ci preoccupiamo di svuotare i cestini e abbiamo rinforzato l'informazione sul corretto utilizzo dei sacchetti in distribuzione – commenta Rollo – ma c'è bisogno della collaborazione di tutti i cittadini affinché il servizio funzioni davvero”. Secondo l'esperienza dei volontari, infatti, in molti prelevano dai contenitori i sacchetti in dotazione per farne un uso diverso. Un gesto che denota una mancanza di sensibilità nei confronti del servizio, e che può persino risultare dannoso per la salute in quanto i sacchetti in distribuzione, per esempio, sono nocivi se vi si conservano alimenti. “Deve crescere, innanzitutto, l'utilizzo del dog-toilet in quanto sono ancora in molti a lasciare i bisogni del proprio cane sui marciapiedi, nelle aiuole con un notevole danno per l'ambiente e per i nostri amici animali, il cui passaggio risulta invasivo per il resto della comunità e per il decoro urbano”, aggiunge Rollo.

associazione Oraa

Le volontarie dell'associazione Oraa L'associazione O.R.A.A. è impegnata anche in altri progetti in provincia, tra cui le “Giornate del Microchip Gratuito” in giro per i Comuni del Salento, che stanno riscuotendo un forte successo. Il prossimo appuntamento è previsto per il 18 novembre nella piazza centrale di Uggiano La Chiesa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment