…e come potevamo noi cantare…

Quarta lettera alla new carboneria

Una bacchetta, il volume dello stereo a palla, per dirigere quella musica che avremmo voluto scrivere.

Avevo una cassetta dei Dire Straits. Mi piacciono tanto, sono tra i miei gruppi preferiti. Non ricordo da chi la copiai: la musica “pirata” è sempre esistita. Credo la Musica sia pirata per corollario della sua definizione. La ascoltavo in camera mia. Poi la macchina e l'ascoltavo mentre andavo. Tornavo indietro con il tasto “rew” per cercare di capire ogni strumento. Era un live. E Telegraph road con le sue “fucilate” improvvise. Un accordo di pianoforte e un colpo di rullante in mezzo ad una pausa indefinita. Mi ha sempre ricordato Alle fronde dei salici, la poesia. Credo per il “figlio crocifisso sul palo del telegrafo”. Musica di Mark Knopfler, testo di Salvatore Quasimodo. Potenza della fantasia. Poi sono cresciuto e Mark Knopfler l'ho visto dal vivo in una serata di zanzare e sudore all'Arena di Milano. E non mi sembrava vero di poter “ascoltare” la mia cassetta. Suovanano veramente così! Tutto vero! Ora fanno uno speciale su Knopfler in tv e me lo vedo in pigiama e in alta definizione sul divano di casa. Dal fruscio della musicassetta copia delle copie, al satellite. Anni, città, esperienze. E un'unica colonna sonora. L'angoscia che solo la musica e le canzoni sanno raccontare. Ah! sapessimo tutti parlare come i poeti ci sarebbe molto meno bisogno di vino. La birra per la pizza, gli amici, la sigaretta da soli. Il vino per le donne e i pensieri che non si sciolgono. L'amaro per godersi una giornata come le altre che, però, è piaciuta. Non so che viso avesse e neppure come si chiamava, quel macchinista ferroviere che mi ha guidato in questi anni di stazione in stazione e di porta in porta. Compagni di viaggio che non dovrebbero lasciarsi mai. Potranno scegliere imbarchi diversi, saranno sempre due marinai. Vorrei sapere a cosa è servito vivere, amare, soffrire…quante canzoni imparate a memoria. A cosa serve vivere? Sono entrato nel Cavern di Liverpool. L'aria irrespirabile: umido, caldo, sudore. Brani che univano tutti i colori del mondo dall'America all'Africa passando per la Nuova Zelanda. Una puzza da fare schifo. Tre pinte di Guinnes all'ora. Dalle due del pomeriggio fino all'ultimo autobus per il ritorno. Ho abbracciato il palco rifatto dei primi Beatles. Ho abbracciato mio fratello Paolo, il mio amico Luigi. Ho abbracciato tante persone che non rivedrò più. Ho ballato con John Lennon e Frank Zappa!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment