Crescita del territorio? Lecce diventa ‘città digitale’

Lecce. Il progetto promosso da Banca Sella con il patrocinio del Comune di Lecce. In programma due “Serate Digitali” con esperti del settore

LECCE – Economia digitale? Per favorirne lo sviluppo sul territorio nasce “Lecce Città Digitale”, un’iniziativa promossa da Banca Sella con il patrocinio del Comune di Lecce. Obiettivo del progetto è creare le condizioni per la maggiore diffusione dell’economia digitale nell’economia locale, poiché tutti gli studi dimostrano che grazie ad un maggior ricorso all’innovazione tecnologica, a internet, alle soluzioni di e-commerce, alle nuove modalità di pagamento via smartphone e ai servizi on line da parte della Pubblica amministrazione, delle imprese e delle famiglie è possibile semplificare i servizi al cittadino, migliorarne la qualità della vita, incrementare la produttività e l’efficienza del sistema economico locale, avviare nuove attività economiche e quindi creare nuovi posti di lavoro. L’iniziativa – già in corso da diversi mesi a Biella e che nelle prossime settimane sarà presentata anche in altre zone d’Italia – prende il via con le “Serate Digitali”, una serie di incontri che si terranno in città, nel corso dei quali istituzioni, imprenditori e professionisti locali potranno confrontarsi con docenti ed esperti del mondo digitale e approfondire le esperienze e i casi di successo in questo campo. Gli incontri si terranno a Lecce domani ed il 30 ottobre. La prima serata digitale avrà come tema “Smart city: la città facile” e si terrà domani, a partire dalle ore 16.30 al Museo Provinciale Sigismondo Castromediano di Lecce. Durante l’incontro sarà discusso il tema dei modelli di città che utilizzano le nuove tecnologie per migliorare la qualità della vita e dei servizi ai cittadini e alle imprese. Apriranno la serata il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, e Giorgio De Donno della Direzione commerciale del Gruppo Banca Sella. Seguiranno l’intervento dell’assessore all’Innovazione Tecnologica del Comune di Lecce, Alessandro Delli Noci, del direttore generale della Provincia di Lecce, Giovanni Refolo, e di Sabrina Sansonetti, presidente di Innova Puglia, la società della Regione che svolge il ruolo di agenzia pubblica per l’informatica e la telematica e fornisce assistenza per l’attuazione dei programmi regionali di investimento a contenuto tecnologico. A conclusione della serata Alberto Bordiga, vice responsabile dei Sistemi di Pagamento del Gruppo Banca Sella, illustrerà le caratteristiche e le potenzialità dei sistemi di pagamento oggi a disposizione e di come questi si possano declinare all’interno delle smart city. L’incontro sarà moderato da Lorenzo Vasanelli, professore del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università di Lecce. Il secondo appuntamento sarà per martedì 30 ottobre, con un incontro dedicato alle potenzialità dell’e-commerce e alle nuova frontiere aperte dai social media. Le “Serate Digitali” sono organizzate con la partecipazione di Confindustria Lecce, della Camera di Commercio, di Confcommercio e di Cna di Lecce, dell’Unione giovani dottori commercialisti ed esperti contabili di Lecce, con la Facoltà di Economia di Lecce e con l’Università del Salento. Per partecipare agli incontri, gratuiti e aperti a tutti, basta registrarsi sul sito www.leccecittadigitale.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment