Danza sulle mie note

Un abbraccio, l’ultimo, e poi un danza. Un velo da sposa ed una partenza

(da leggere mentre, in sottofondo, va la musica di Cohen, “Danza fino alla fine dell'amore”) danza sulle mie note e bacia il mio viso. gioca a dadi, se ti va, ma non scordarti di me. le tue gambe sono ancora la mia casa e il tuo velo di sposa mi disturba tanto, come non pensarci, come far finta di a? balla, balla ancora sulla mia tomba di guerriero senza armi, balla ancora, sento i tuoi passi, la tua nenia di quando moristi. il gelo fra noi e io che vivo io che scrivo, io che sono il a. Abbracciami, abbracciami ancora una volta, l'ultima se ti va, l'ultima, se deve essere, ma non morire, ti prego, di te sogno ancora.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!