Dimissioni Guido. ‘Capire le motivazioni’

Monteroni. Gabellone e Bruni esprimono rammarico per la decisione dell’ex primo cittadino di Monteroni e annunciano un incontro per approfondire le cause

MONTERONI – Dichiarano rammarico per l’accaduto, tuttavia accettano la scelta, aggiungendo di voler incontrare di persona il diretto interessato per fare chiarezza sulla motivazioni. Antonio Gabellone e Francesco Bruni, coordinatore e vice coordinatore provinciali del Pdl non nascono il dispiacere per le dimissioni dalla carica di sindaco di Monteroni di Lino Guido, che ha retto il Comune per quattro anni dal 2008. Le dimissioni sarebbero arrivate, come ricordano Gabellone e Bruni, “non in conseguenza di criticità politiche ma per sgomberare il campo da eventuali vicende che potrebbero riguardare l’Amministrazione, impedendo nel futuro il prosieguo in serenità d’animo di un produttivo lavoro al servizio del comune salentino”. “Ci riserviamo di incontrare il dimissionario sindaco Guido – aggiungono i due vertici provinciali del Pdl -, per conoscere in maniera puntuale e nel profondo le motivazioni che lo hanno indotto a un gesto che se da un lato conferma la nobiltà d’animo e la trasparenza morale del sindaco di Monteroni dall’altro verso interrompe bruscamente l’esperienza amministrativa del centrodestra alla guida di un Comune dove la coalizione e l’operato del sindaco su tutti avevano restituito slancio, decoro e sviluppo non soltanto alla comunità di Monteroni ma anche all’intero comprensorio, facendo di Monteroni un faro importante sulle dinamiche di sviluppo della zona del Nord Salento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment