L’Università dell’Aquila adotta l’IMID

La direzione scientifica del Centro di Campi Salentina in trasferta in Abruzzo

Il Comune e l’Università degli Studi dell’Aquila adottano il modello assistenziale interdisciplinare, integrato IMID, che ha corpo e cuore nel Centro IMID di Campi Salentina, e lo ufficializzano durante un meeting intitolato “Progetto IMID – Modello sanitario ‘integrato’ per la gestione dei disordini infiammatori immunomediati. I vantaggi umani e i benefici economici della interdisciplinarità”, che si terrà presso l’Aula “Stefanini” dell’Ateneo abruzzese, nella frazione di Coppito, sabato 15 gennaio, alle ore 9. In un momento di profonda crisi economica e nella particolare condizione di necessità della città dell’Aquila trova collocazione la proposizione del modello assistenziale innovativo nato nel Salento. Quello IMID (Immune Mediated Inflammatory Disorders) è un progetto socio-sanitario che trae origine dal principio per il quale medici ospedalieri e pazienti si impegnano a perseguire un obiettivo convergente ovvero un modello assistenziale efficace, efficiente ed economico, che possa prendere in carico un vasto numero di quadri patologici riferibili alle malattie infiammatorie croniche immunomediate e ambiente-correlate (IMID). A farsi portavoce della volontà di “esportare” il modello assistenziale sono stati proprio i pazienti. A raccogliere l’invito alla condivisione dell’esperienza già fatta in Puglia sono stati, invece, il Comune e l’Università degli Studi dell’Aquila, che peraltro sarà destinataria di un riconoscimento nell’ambito del Premio IMID 2011. Da qui nasce l’organizzazione del meeting durante i quale il Gruppo IMID, guidato dal direttore scientifico, Mauro Minelli, presenterà il modello ad una platea composta da studenti universitari, politici, docenti e operatori del comparto socio-sanitario. Il meeting sarà presieduto dal rettore dell’Università dell’Aquila, Ferdinando di Orio, e si svolgerà alla presenza dei direttori scientifici, Maria Grazia Cifone, preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università dell’Aquila, e Alfredo Tursi, già direttore della cattedra di Immunologia clinica e Allergologia dell’Università degli Studi di Bari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!