Depuratore. Errico: ‘Nel prossimo odg regionale'

Gallipoli. Il sindaco ha chiesto all’assessore regionale Fabiano Amati di dare priorità alla richiesta di potenziamento dell’impianto

GALLIPOLI – Inserire la questione del depuratore di Gallipoli all’ordine del giorno delle sedute dell’esecutivo regionale. È questa la richiesta messa nero su bianco in una nota firmata dal sindaco di Gallipoli Francesco Errico ed indirizzata all’assessore regionale per la Tutela delle Acque, Fabiano Amati. Il primo cittadino, nel ricordare all’assessore che “il Consiglio Comunale di Gallipoli, all'unanimità, ha deliberato la richiesta di ammissione a finanziamento della condotta sottomarina e del potenziamento dell'impianto di affinamento”, evidenzia che la soluzione prospettata sia quella ritenuta, dai tecnici, la più idonea per risolvere le criticità rappresentate dallo scarico a mare in battigia in essere nella cittadina ionica, nonché la più idonea sia sotto l'aspetto eco-ambientale, sia sotto l'aspetto economico. Per questo, alla luce anche dei continui fenomeni di colorazione marrone del mare, che contribuiscono a creare un evidente danno di immagine di Gallipoli, con conseguenti ricadute negative per l’economia, il sindaco ha chiesto all’assessore di considerare come prioritaria la questione, inserendo l'argomento al prossimo ordine del giorno dell’esecutivo regionale. “Ritengo che la questione degli impianti depurativi di Gallipoli sia un argomento di importanza primaria per motivazioni ambientali, turistiche e d’immagine della nostra città – ha detto il sindaco –. L’Amministrazione ha dimostrato il suo interessamento alla questione convocando un consiglio comunale monotematico, alla presenza dello stesso assessore Amati, per trovare una soluzione condivisa anche dai banchi della minoranza, cosa che poi è accaduta. Ora è necessario continuare a mantenere alta l’attenzione sul problema e sono certo che da parte dell’assessore Amati, che ha già dimostrato attenzione alla vicenda, anche intervenendo qui a Gallipoli nell’assise civica, non mancherà sostegno e supporto per sostenere le molteplici ragioni, ambientali, turistiche ed economiche di questo territorio”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati