Trasporto studenti. 'I disagi restano'

Ugento. Il consigliere dei comunisti Angelo Minenna interroga l’assessore alla Pubblica istruzione Graziano Greco su come intenda risolvere il problema

UGENTO – Quali provvedimenti il Comune di Ugento intende adottare per trovare soluzione ai continui disagi che gli studenti incontrano per recarsi a scuola a Casarano in pullman? Lo chiede in un’interrogazione il consigliere del partito dei Comunisti italiani Angelo Minenna all’assessore comunale alla Pubblica istruzione Graziano Greco. Non è la prima volta che Minenna si interessa di questo tema. Già lo scorso 20 settembre aveva inviato una nota alle Ferrovie Sud Est di Lecce che gestiscono il servizio e, per conoscenza, all'assessore regionale alla Mobilità Guglielmo Minervini. Da allora, scrive Minenna nell’interrogazione all’assessore, qualcosa è cambiato in quanto la Sud Est ha messo a disposizione degli studenti ugentini, ma in via “provvisoria e sperimentale”, un pullman “motrice” più capiente dei normali pullman utilizzati. Tuttavia i disagi permangono, in particolare per gli studenti del liceo sociopsicopedagogico e del professionale. Diverse le segnalazioni pervenute al consigliere da parte di studenti “rimasti a terra” all’uscita dalle lezioni. Il problema, in alcuni casi, è la mancata “sincronizzazione” degli orari scolastici da parte degli istituti; una maggiore attenzione agli orari di entrata e di uscita potrebbe in parte porre fine al problema. Necessario, dunque, secondo Minenna, un interessamento da parte del Comune e dell’assessorato competente. A fare le spese di un servizio mal gestito saranno, altrimenti, ancora una volta gli studenti. Ecco l'interrogazione di Minenna: Partito dei Comunisti Italiani – Federazione della Sinistra Sezione di Ugento Il Consigliere Comunale Alla c.a. di: – Assessore alla Pubblica Istruzione sign. Graziano GRECO. SEDE Oggetto: interrogazione urgente. Trasporto studentesco da e per gli istituti scolastici di Casarano. Richiesta di chiarimenti. Ugento, lì 9 ott. 12 Egregio Signore, per sapere, premesso che: – Moltissimi nostri studenti scelgono i mezzi di trasporto pubblico, in particolare quelli delle Ferrovie del Sud Est, per recarsi a scuola nella vicina Casarano. – Dall’inizio dell’anno scolastico, mi giungono costanti lamentele, da parte di genitori e studenti, circa l’inadeguatezza degli autobus e forti carenze del servizio stesso. – A detta di tali lagnanze, i bus delle FSE sarebbero troppo pochi a fronte di una popolazione studentesca in crescita e, soprattutto, della scelta di molte famiglie che, per ovvie ragioni di risparmio, preferiscono l’abbonamento mensile o il biglietto giornaliero per mandare i propri figli a studiare. – Grazie alle nostre sollecitazioni (non ultime una lettera inviata tramite fax alla Sezione di Esercizio delle Sud Est, in data 20 settembre ’12, e una richiesta di un’audizione urgente nella competente Commissione Consiliare Permanente, datata 5 ottobre ’12), e all’impegno degli autisti stessi la situazione sembra essere parzialmente migliorata nelle scorse settimane con l’invio, in via del tutto temporanea e “sperimentale”, di un autobus “motrice” con più capienza e più posti a sedere. – Tuttavia, proprio alla data in cui scrivo, mi giungono delle email di studentesse del Liceo Sociopsicopedagogico e di alcuni studenti del Professionale, nostri concittadini, che lamentano il fatto di essere rimasti a piedi. – Di conseguenza, a farsi carico di questa incresciosa situazione sono i genitori degli studenti, costretti ad andare a prendere a scuola i propri figli in macchina, nonostante abbiano pagato l’abbonamento o il biglietto e, quindi, dovrebbero godere di un servizio di trasporto ottimale. – Non solo: sembra, a detta anche dei vertici aziendali e di quanti lavorano nel settore, che non vi sia stato raccordo, da parte degli Istituti Superiori, nel sincronizzare l’orario scolastico, soprattutto di uscita, con quelli che sono gli orari delle corse automobilistiche delle FSE. – Ne deriva, specie per gli alunni di alcuni Istituti, come il Liceo Classico, che per una differenza di 5 minuti appena sull’orario di uscita da scuola, per due giorni a settimana i nostri studenti rimangono appiedati, con le conseguenze appena sopra descritte per il Liceo Sociopsicopedagocio e per il Professionale. – A fronte del numero invariato delle corriere da e per Casarano e degli stessi orari, crediamo che debba partire forte la richiesta di un potenziamento del servizio, con l’ausilio di ulteriori autobus e/o del mantenimento delle “corriere motrici”, che consentono un carico maggiore di studenti all’interno delle stesse. – Convinti come siamo, innanzitutto come ugentini e ulteriormente come comunisti, che il diritto allo studio passi anche da un buon servizio di trasporto studentesco. Per tutto quanto sopra premesso, il sottoscritto Consigliere Comunale INTERROGA l’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Ugento sign. Graziano Greco, in virtù delle sue prerogative istituzionali, circa le informazioni assunte dal Consigliere Comunale interrogante, con particolare riferimento a quali misure la Giunta Comunale intenda porre in essere per venire incontro alle richieste dei nostri studenti, fortemente penalizzati da questo stato di cose. Con i migliori saluti, Angelo MINENNA

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment