Via Adriatica, pronta al restyling

Lecce. Interventi edili (ma non solo) per mettere in sicurezza i luoghi e gli utenti della strada sono stati annunciati dall’assessore all’Ambiente Andrea Guido

LECCE – Un consistente intervento di riqualificazione urbana interesserà via Adriatica e limitrofe, a Lecce. Lo ha reso noto l’assessore all’Ambiente Andrea Guido che ha spiegato che i lavori riguarderanno via Adriatica ed i relativi percorsi trasversali di via De Marco, via Coluzio, via Casciaro, via Passaby, via Montone, via Velino e via Sesia, fino ad arrivare oltre la Chiesa di Sant’Oronzo fuori le mura. “Finalmente a un percorso di scorrimento veicolare come quello in questione – ha commentato Guido -, che collega la città al mare e che ormai risultava essere trascurato da tempo, verrà data la dignità che merita”. L’intervento prevede la realizzazione di nuovi marciapiedi, la demolizione e il rifacimento di quelli ormai danneggiati e fatiscenti, la fresatura delle attuali pavimentazioni stradali e, in seguito, la realizzazione di nuova segnaletica stradale orizzontale. Verrà inoltre installata nuova illuminazione su pali alti 10 metri con lampade a Led che abbattano i consumi e garantiscano una migliore visibilità e sicurezza stradale. Sono previste nuove aree da destinare a parcheggio e nuove aiuole nelle quali troveranno collocazione piante tipiche del paesaggio salentino. Questo intervento interesserà in particolar modo lo slargo antistante la Chiesa di Sant’Oronzo fuori le mura, “che – spiega l’assessore – fino ad oggi non ha avuto una giusta identità”. Per garantire una maggiore sicurezza stradale e pedonale la segnaletica orizzontale e verticale sarà potenziata con l’integrazione di moderni dispositivi retroriflettenti, targhe luminose e lampeggianti a led.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment