Mercato coperto al via

Gallipoli. Costata 4 milioni di euro, una delle “incompiute” del territorio gallipolino ha finalmente aperto i battenti

GALLIPOLI – Era una delle storiche “incompiute” del Comune di Gallipoli. Da domenica scorsa ha abbandonato la “lista nera” delle opere da concludere per spostarsi tra le opere realizzate. E concluse. Il mercato coperto di Gallipoli è finalmente realtà. La struttura è posizionata all’ingresso del centro storico ed oggetto di un cospicuo intervento di maquillage architettonico, che ha richiesto nel 2004 un finanziamento di 4 milioni di euro, frutto dell’accordo quadro tra Stato e Regione. La cerimonia di domenica è iniziata con la benedizione dell’edificio da parte del vescovo della diocesi di Nardò-Gallipoli, Domenico Caliandro e quindi con gli indirizzi di saluto del sindaco, Francesco Errico, e di Giovanna Cacudi per la S.B.A.P. di Lecce. Successivamente l’architetta Anna Cornaro e lo storico locale Elio Pindinelli hanno illustrato pregi architettonici dell’edificio e soprattutto l’evoluzione che nel tempo la struttura ha avuto. Il sindaco Francesco Errico ha sottolineato l’importanza del bene per la città, quale ponte ideale e reale tra centro storico e borgo ma anche tra passato e presente, rimarcando la polifunzionalità della struttura – da utilizzare per fini commerciali e culturali – e ringraziando le precedenti amministrazioni, da quella Venneri (che con il primo cittadino e l’assessore Giuseppe Coppola intercettò il finanziamento) a quella Barba (che ha garantito la necessaria continuità progettuale e dei lavori) per quanto svolto e per aver garantito una buona azione per la città.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!