Paccheri cremolati con salsa di pescatrice

L'estate non sta finendo. Per convincervene, preparate questa ricetta estiva. E sarà di nuovo solleone

// Ingredienti (per 4 persone) 500 gr di paccheri di Gragnano 250 gr. di pomodorini ciliegino 700 gr. di pescatrice [una o due pezzi] uno spicchio d’aglio olio extravergine d’oliva pepe nero al mulinello il sale necessario alcune foglie di basilico la cremolata di Tonio: 4 pomodori secchi, peperoncino piccante, un rametto di timo, olio extravergine d’oliva, prezzemolo tritato // Preparazione Prima di tutto prepariamo la cremolata: in una ciotola che possa contenere il pesce si mettano i pomodori secchi passati al frullatore con olio d’oliva, peperoncino piccante, le foglie di un rametto di timo e un rametto di foglie di prezzemolo. Si puliscano le pescatrici, si tolga loro la pelle e si sviscerino, poi si divida la testa dalla coda e si metta il pesce nella cremolata di peperoncino tenendocelo per un paio d’ore, rigirandolo spesso perché insaporisca. In una larga padella con olio extravergine d’oliva si faccia rosolare uno spicchio d’aglio togliendolo prima che diventi scuro. Si uniscano i pomodorini tagliati a metà e si facciano rosolare senza farli cuocere. Si uniscano i pezzi di pesce compresa le testa, senza scolarli dalla cremolata di peperoncino e si facciano rosolare con i pomodorini. Si regoli di sale e pepe. Si tirino su le teste del pesce senza farle rompere, si facciano a pezzetti le code togliendo l’osso-lisca centrale e si termini la cottura. Si lessino i paccheri in abbondante acqua salata in ebollizione, si scolino non proprio già cotti direttamente nella padella del pesce, si spolveri con prezzemolo tritato e foglie di basilico prima di comporrei piatti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!