Turrisi: 'Pagliaro solo noia'

Lecce. Esilarante botta e risposta tra il fondatore del movimento Regione Salento e l’ex segretario di gabinetto di Giovanni Pellegrino

LECCE – Su 20centesimi va in onda lo show. Gianni Turrisi, ex segretario di gabinetto di Giovanni Pellegrino, rimpiange il ‘guerriero’ Pagliaro, ora diventato ‘scudiero’ di Perrone. Non è chiaro il motivo del rimpianto: legame di amicizia, stima, condivisione del progetto economico-mediatico di Pagliaro. Pagliaro risponde con un ruffiano ‘caro vecchio bolscevico amico mio’, lasciando intravedere un legame forte e consolidato. Turrisi non si lascia incantare e lo definisce uva ‘mara’, acerba. Pagliaro incassa e ancora mieloso lo invita a partecipare all’assemblea di Apl e di votare per le primarie del centrodestra, infine dichiarandogli che ‘ti voglio sempre un sacco di bene. Ti abbraccio’. Turrisi non ci sta e se Pagliaro per lui era un ‘guerriero’, poi ‘scudiero’, passando per uva ‘mara’, arriva ad affermare mesto che ora rimane ‘solo noia’. Ma Pagliaro ottimista si fa rimbalzare il pessimismo turrisiano, esclamando fiero che ‘il futuro ci appartiene’. Nuovamente lo invita a votare all’assemblea di Apl, rassicurandolo che ‘Le scelte non sono state ancora fatte. Te lo assicuro. E solo Dio sa, quanto sia difficile per me’. Se le scelte non sono state fatte, che sia il tentativo di un’apertura a sinistra? O forse, più verosimile, quando Pagliaro gli chiede ‘per chi voti per Capone o Salvemini?’ sta offrendo sul piatto a Turrisi, per le primarie del centrosinistra, i voti (ma quanti sono?) dei militanti della Regione Salento per l’uno o per l’altro o contro l’uno o contro l’altro? Trattative sui voti via facebook finora non ne avevamo viste. Questa sì che è politica 3.0.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!