Mare nero davanti all’Ilva. Parte l’esposto

GUARDA IL VIDEO. Taranto. Fabio Matacchiera, della Fondazione Antidiossina Onlus, ha presentato esposto alla Digos corredandolo con video che riprendono macchie scure ed oleose

TARANTO – Chiazze scure ed oleose nella zona di sbocco delle acque di raffreddamento dell’Ilva di Taranto. L'ambientalista tarantino Fabio Matacchiera, presidente della Fondazione Antidiossina Onlus, ha presentato un esposto alla Digos della Questura di Taranto da consegnare alla procura della Repubblica chiedendo di accertare l'origine, la natura e l'eventuale grado di inquinamento delle acque dei canali 1 e 2 dell’Ilva in Mar Grande. A supporto dell’esposto, Matacchiera ha girato dei video in cui documenta la presenza di sostanze grasse in mare. Eccone uno: Poche settimane fa è stata ordinate la distruzione dei mitili coltivati nel primo seno del mar Piccolo, risultati, come l’anno scorso, contaminati da diossina e pcb. L’area interessata dalla presenza di cozze “inquinate” è quella nei pressi dell’Ilva. Articolo correlato: Cozze alla diossina. Ordinata la distruzione

Leave a Comment