15 kg di marijuana pescati dal mare

Andrano. L’avvistamento ad opera di un carabiniere in pensione, che ha dato l’allarme: sei panetti recuperati tra Andrano a Castro

ANDRANO – Sei panetti di marijuana per un totale di quasi 15 chili di droga sono stati letteralmente pescati dalle acque della costa di Andrano dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile – Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Tricase e dai militari della Stazione Carabinieri di Spongano. La marijuana è stata avvistata ieri sera da un carabiniere in pensione che, uscito per pescare con la sua imbarcazione, ha notato a poca distanza dalla costa di Andrano, quelli che all’inizio erano sembrati semplici sacchetti di plastica, trasportati dalla corrente. Avvicinatosi per recuperarli con l’intento di buttarli, l’uomo si è subito accorto che la plastica avvolgeva della marijuana. Così ha segnalato la situazione alla Centrale Operativa della Compagnia di Tricase che ha inviato sul posto una pattuglia. E visto che la maggior parte dei “panetti” di droga veniva trasportata dalla corrente verso nord, in direzione Castro, anche la pattuglia della Stazione di Spongano, competente per territorio, si è recata in prossimità della costa ad attendere l’arrivo della droga. In totale sono stati recuperati sei involucri di plastica contenenti ciascuno oltre 2 chili di marijuana per un peso complessivo pari a circa 15 chili di sostanza stupefacente. Nel tardo pomeriggio di ieri inoltre al largo di Porto Miggiano un pescatore ha recuperato a circa 1,5 miglia dalla costa un altro involucro dello stesso tipo di quelli rinvenuti oggi, del peso di circa 3,5 kg, subito consegnato ai carabinieri di Poggiardo. Non si esclude che la sostanza complessivamente recuperata sia parte di un più sostanzioso carico destinato alle coste adriatiche e non solo salentine. Le indagini proseguono per accertare la provenienza del carico e chi ne era il destinatario sulle coste salentine.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!