Maturità, si parte domani. I numeri nel Salento

Lecce. Più di 8mila studenti e circa 2mila docenti suddivisi in 403 commissioni d’esame. Al via domani gli “esami di Stato”. Prima prova, Italiano

LECCE – I numeri della maturità sono numeri a tre zeri. Perché a prescindere dall’importanza che l’esame di maturità riveste per ogni singolo studente, la macchina organizzativa che si mette in moto, ogni anno, è di quelle che contano. All’esame di maturità partecipano, del resto, a vario titolo ed in vario modo, non solo gli studenti, ma anche i docenti, e le famiglie di studenti e docenti. Impossibile che l’evento non catalizzi su di sé l’attenzione dell’intero Paese. Del resto, il momento è di quelli cruciali. Il classico “trampolino” da cui prendere il volo. Quest’anno nel Salento 403 commissioni d’esame valuteranno gli elaborati scritti e le performance orali di 8.350 studenti, privatisti inclusi (sono circa 370 tra scuole statali e paritarie). Sono 56 gli istituti più i plessi distaccati e le sezioni coordinate nelle quali avranno luogo li esami. Le sedi sono 90 in tutto. Solo a Lecce sono 26. Compresa la sezione del carcere, che dipende dall’istituto commerciale per ragionieri Olivetti. I commissari d’esame sono circa 2.000: 800 gli interni e poco più di 1.200 gli esterni. In ogni Commissione ci sono, cioè, tre commissari “interni” (ma più di qualcuno ricopre più incarichi) e tre “esterni”. La norma parla infatti di un presidente, tre commissari esterni e tre interni. Quanto ai “no, grazie”, quest’anno l’ha pronunciato il 6-7% dei presidenti di Commissione. Le defezioni su 400 presidenti nominati, sono state 24. Quanto ai commissari, la media è leggermente più alta, attestandosi su un 7-8%, il che significa che 1.200 docenti circa 90, hanno dato forfait. Oggi sono state completate le sostituzioni. I motivi sono diversi: personali, familiari e malattia. Quest’anno, a differenza di altri anni, i docenti hanno mostrato interesse, anche economico, a farsi nominare in commissione. E ciò anche tra chi non era stato mai nominato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!