Spacciatori bloccati ed arrestati in centro

Melissano. Claudio Palmisano e Ivan Mario Greco sono stati trovati in possesso di cocaina e munizioni

MELISSANO – Sono finiti in manette nella tarda serata di ieri, dopo una lunga attività investigativa, due spacciatori l’uno brindisino ma residente a Melissano, Claudio Palmisano 38enne, l’altro tavianese, Ivan Mario Greco, 25enne.

Claudio Palmisano

Claudio Palmisano I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casarano, dopo un lungo servizio di controllo e osservazione del territorio li hanno arrestati per il reato in concorso di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente nonché per detenzione illegale di munizionamento: I militari avevano già acquisito informazioni circa la possibile attività di spaccio di stupefacente da parte degli arrestati. Alcuni giorni di “appostamenti” e “osservazione”, hanno consentito di accertare la veridicità delle informazioni acquisite e nella serata di ieri, intorno all’ora di cena, sono passati all’azione. Quando i due sono usciti di casa, un appartamento in centro a Melissano, Palmisano è stato subito bloccato, mentre Greco ha provato a scappare, cercando di dileguarsi a bordo del proprio scooter, ma è stato facilmente raggiunto e trovato in possesso di 6,3 grammi di cocaina suddivisa in otto dosi. In casa, i militari hanno trovato al centro del tavolo un bilancino di precisione ancora sporco di cocaina, materiale di confezionamento e, nascosti all’interno di una calza di lana, 23 proiettili calibro 9×21 di fabbricazione artigianale, perfettamente efficienti. Munizioni, bilancino, materiale di confezionamento sono stati sequestrati. I due sono stati condotti presso il carcere di Borgo San Nicola.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment